Tempo di lettura: 2 minuti

LiguoriLECCE (di Pierpaolo Sergio) – I mugugni della tifoseria leccese, in particolare della Curva Nord (ma non solo quel settore…), che sono sfociati nei fischi finali e nell’invito alla squadra giallorossa da parte degli Ultrà Lecce a tirar fuori gli attributi dopo lo 0-0 casalingo contro il Catania hanno spinto il dirigente Corrado Liguori a manifestare il suo pensiero, come sua abitudine ormai, in un nuovo post su facebook. Il messaggio pubblicato è assai eloquente, soprattutto nel passaggio in cui si fa accenno a mister Antonino Asta: “[…] Il mister gode e godrà della MASSIMA FIDUCIA perché la squadra è viva e gioca bene a calcio e nonostante tutto fa punti. Quindi anima in pace sul mister e sulle punte e portiamo la nostra squadra in alto. […]”

Una posizione netta e abbastanza logica quella del membro del futuro CdA del club salentino. Se da una parte è vero che il Lecce naviga a centroclassifica con 6 punti in 5 giornate, è pur vero che la condizione generale della squadra giallorossa è in crescita, come pure il livello del gioco offerto in campo. Anche il tecnico del Catania, Pippo Pancaro, ha dichiarato in sala stampa che la formazione di Asta pratica il miglior calcio del Girone C insieme a Casertana e Foggia. Un attestato di stima che arriva da parte di un collega che probabilmente alla fine lotterà per la promozione in Serie B con il Lecce e, pertanto, scevro da qualsivoglia piaggeria.

Insomma, la panchina del Lecce non traballa. Il nuovo corso societario si vede anche in questa difesa a spada tratta del mister ingaggiato per tentare la scalata alla cadetteria. Nel recente passato, la famiglia Tesoro è stata aspramente criticata per la disinvoltura con cui cambiava guida tecnica e non offriva “protezione” ai vari allenatori succedutisi. Parlare di un Asta in pericolo appare quindi ingeneroso nei confronti di un mister che si sta barcamenando tra mille difficoltà dacché è iniziato il campionato. Gli infortuni di gioco e muscolari lo hanno finora privato di calciatori del calibro di Cosenza, Salvi, Curiale e, soprattutto, Moscardelli. Proprio al contestuale ko delle due punte regine di questo Lecce 2015/2016 è imputabile parte dei mancati successi che avrebbero garantito alemeno un paio di punti in più.

Il Liguori-pensiero si conclude pertanto così: “[…] è iniziato un ciclo, a fine stagione i primi verdetti…

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.