Tempo di lettura: 1 minuto

francavilla pullmanNARDÒ – Strascichi violenti ieri sera a Nardò dopo il match di Coppa Italia tra il Toro e la Virtus Francavilla. Sulla pagina facebook della società ospite sono state pubblicate alcune foto che mostrano il vetro anteriore del pullman della squadra biancazzurra danneggiato dal lancio di qualche oggetto. Di seguito il comunicato ufficiale del sodalizio brindisino sul fatto:

“La Virtus Francavilla Calcio esprime la sua totale indignazione per quanto successo nella gara contro il Nardò. Il vile agguato ai danni del pullman della società, è quanto di più indecoroso e fuori da ogni logica sportiva. L’incolumità della squadra, dirigenti ed addetti ai lavori non è stata garantita per via di una pessima organizzazione, figlia di un clima già di per sé teso ed insostenibile nel pre-partita. All’arrivo allo stadio alcuni facinorosi hanno cercato di venire a contatto con il nostro mezzo che è riuscito prontamente ad entrare nello stadio. La troupe di Studio 100, che ha acquistato i diritti di trasmissione delle partite della nostra squadra, non ha potuto eseguire nella maniera più consona le riprese della gara in tribuna stampa ed è stata costretta a riprendere la partita dalla tribuna opposta, da sola e senza tutto il necessario per garantire un servizio di qualità. L’epilogo più triste alla fine della partita: percorrendo la strada del ritorno, un gruppo di facinorosi ha gettato un grosso macigno contro il nostro pullman, infrangendo il vetro anteriore e danneggiando notevolmente il mezzo. Fortunatamente nessuna persona presente al suo interno ha riportato danni. La Virtus Francavilla Calcio si ritiene profondamente delusa ed indignata per la poca organizzazione e la scarsa protezione ricevuta e a breve provvederà con un esposto in Lega Calcio ed in Procura chiedendo di non disputare più alcuna gara a Nardò”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.