Tempo di lettura: 1 minuto
Titti Cataldi
Titti Cataldi

GALLIPOLI – Titti Cataldi, consigliere comunale uscente della Città di Gallipoli, ha incontrato il commissario prefettizio che regge il Comune jonico per esporgli le urgenze della città Bella: “Questa mattina ho avuto l’opportunità di avere un confronto con il dott. Aprea, il commissario che sta guidando la nostra comunità in questo momento di transizione. È stato un incontro costruttivo, nel corso del quale abbiamo potuto confrontarci sulle prospettive della nostra città, in questo particolare momento. Ho voluto, così, ribadire il mio impegno costante e coerente per lo sviluppo della nostra città, segnalando tutte le più urgenti criticità che gravano su Gallipoli: la carenza di parcheggi e la scarsità di verde pubblico, le problematiche di carattere ambientale, la necessità di dare alla città un piano di sviluppo e promozione turistica sostenibile, che tenga conto dei principi di legalità e garantisca la pubblica sicurezza. Inoltre, ho garantito la mia collaborazione affinché anche Gallipoli possa accedere a tutte quelle misure che la Regione Puglia metterà in campo nei mesi che verranno, per non perdere quelle opportunità attraverso le quali la città di Gallipoli potrà aspirare a far crescere il nostro territorio, intercettando finanziamenti e risorse. Infine, intendo confermare il mio impegno nel contribuire a un progetto di rinnovamento della nostra città, di chiara connotazione di centrosinistra, senza cedere a lusinghe e operando sempre avendo a cuore il bene della mia città e dei gallipolini, in nome dei quali ho sempre cercato di attivarmi. Ritengo, infatti, che, nel rispetto della mia storia personale e politica, non si possa che promuovere un progetto che si muova entro i confini tracciati dall’esperienza del centrosinistra pugliese, che rappresenta un modello di governo virtuoso”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.