Tempo di lettura: 1 minuto

premio castrum minervae 2015 da sx Deodati, Petrachi, e VendraminCASTRO – Nell’ambito della X edizione del Premio Castrum Minervae 2015, che si è concluso domenica scorsa 2 agosto, Niteko si è aggiudicato il premio dedicato alla realtà imprenditoriale pugliese che ha sperimentato nuovi processi nella ricerca e nell’ammodernamento tecnologico che è riuscita a posizionarsi sul mercato come prodotto innovativo. I candidati erano: Blackshape, Ciceroos, Encosys, Openwok, AI2, Molino Casillo, Intact healthcare, Next to me, GP Renewable srl /Air Group Italy, Polo Scientifico Tecnologico di Taranto, C3Lab, Mariano Lights, Lachifarma, Niteko, DronyX.

In foto con Giuseppe Vendramin, Emiliano Petrachi ed Alessandro Deodati esprimono: “viva soddisfazione per l’importante riconoscimento che hanno ricevuto, uno stimolo ulteriore per andare avanti nella nostra attività, con rinnovato slancio ed entusiasmo”. I tre sono anche gli ideatori di Solarino, l’unico eco-robot che pulisce la spiaggia, che sta ottenendo consensi in Italia e nel mondo.

Il Premio Castrum Minervae, premio d’imprese culturali e creative di Puglia quest’anno ha scelto come tema “Cooperazione, sviluppo e nuove prospettive mediterranee – Incontri”.

Il Premio, diretto da Luciano Schito, è una manifestazione promossa dal comune di Castro e prende il nome dall’antico insediamento messapico, luogo che ospita la rassegna, dove recenti ritrovamenti archeologici testimoniano la presenza di un santuario dedicato alla dea Minerva, il “Templum Minervae” citato da Virgilio come approdo di Enea sulle coste della nostra penisola nel terzo libro dell’Eneide.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.