Tempo di lettura: 1 minuto

Antonio AstaLECCE (di M. Cassone) – A cinque giorni dalla partenza per il ritiro precampionato, in casa Lecce regna il silenzio più assoluto. A parte il rinnovo contrattuale di Romeo Papini, quelli probabilissimi di Stefano Salvi e Davide Moscardelli e la certezza di avere dei portieri in esubero, è tutto avvolto nel “mistero”. I tifosi chiedono a gran voce un contratto per l’idolo Checco Lepore, mentre Filippo Falco ed Abdou Doumbia scalpitano per trovare una sistemazione altrove, magari in Serie A per il ragazzo di origini tarantine ed in Cadetteria per il franco-maliano.

La società di Piazza Mazzini, così come ha dimostrato per la cessione del pacchetto azionario e per la scelta dell’allenatore, lavora sotto traccia e poco lascia trapelare all’esterno. Le stagioni scorse si rimproverava agli ormai ex proprietari il fatto di aver portato in ritiro un gruppo di persone che da lì a poco sarebbe stato smembrato; auspichiamo non accada anche quest’anno…

L’auspicio è che in questi giorni, da qui a venerdì 17 luglio, arrivino almeno tre o quattro elementi da aggiungere ai riconfermati in modo che lavorino da subito insieme al neo-allenatore Antonino Asta. Sarebbe importante che il gruppo difensivo fosse quasi al completo per poter assimilare i movimenti giusti in vista del primo impegno stagionale dei primi di agosto in Coppa Italia.

Nelle prossime ore la società giallorossa ufficializzerà i nomi dello staff medico, del preparatore atletico e del preparatore dei portieri, così come finalmente conosceremo l’organigramma del settore giovanile, per anni fiore all’occhiello del club salentino. E nell’attesa trepidante di conoscere il nuovo Lecce, si spera che questo sia finalmente l’anno giusto per scappare via da questa strana e difficile categoria, partendo col piede giusto.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.