Tempo di lettura: 1 minuto

Tonino AstaLECCE (di M. Cassone) – Antonino Asta, detto Tonino, ex centrocampista del Torino e della Nazionale ed ex allenatore della Virtus Bassano, è il nuovo condottiero dell’U.S. Lecce. Classe 1970, nato ad Alcamo (in provincia di Trapani), ma trasferitosi da piccolo a Milano, ha il volto del sogno, quello agguantato col sudore della fronte. Fino a 22 anni Tonino fa il barista ed insieme rincorre quel pallone che è tutta la sua vita. Fa la gavetta, è un centrocampista che parte dalla Prima Categoria e riesce ad arrivare in Serie A ed anche in Nazionale (a 32 anni). Una vita da mediano la sua, una vita di sacrifici, lavoro e sudore. Un uomo che viene dalla semplicità e non conosce altra via per raggiungere i risultati prefissati se non quella del lavoro.

Una volta appese le scarpette al chiodo decide di diventare allenatore e anche qui il suo percorso è in salita. Trascorre sette anni nel settore giovanile del Toro, allena Allievi Regionali, Allievi Provinciali ed i ragazzi della Primavera, poi nel 2012 decide di dire sì al Monza in seconda divisione del campionato di Lega Pro e lo trascina in Lega Pro Unica. Poi passa al Bassano ed arriva ad un passo dalla Serie B perdendo la finale play-off contro il Como.

Come giocano le sue squadre – Predilige il modulo 4-2-3-1. Ama i trequartisti. Riesce però a cambiare il volto del suo gioco in base ai calciatori che ha a disposizione. La quota percentuale sulle sue panchine pende sostanzialmente dalla parte delle vittorie: 52,9% vittorie, 23,1% pareggi 24% sconfitte. Il Lecce cercava un allenatore giovane, grintoso e di prospettiva, possiamo ben dire che Antonino Asta risponde fedelmente al profilo ricercato. Ricomincia con lui la corsa del Lecce per fuggire via dal pantano della Lega Pro.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.