Tempo di lettura: 2 minuti

foto conferenza stampa

È stata presentata ieri a Palazzo Adorno, a Lecce, la  rassegna teatrale Distillerie in scena, organizzata dal Comune di San Cesario di Lecce, nell’ambito del programma di riqualificazione urbana finanziato dalla Regione Puglia (Programma Operativo FESR Puglia 2007-2013, Asse VII ). Sono intervenuti il presidente della Provincia di Lecce Antonio Gabellone, il sindaco di San Cesario di Lecce Andrea Paolo Filippo Romano, l’assessore alla Cultura Comune di San Cesario Daniela Litti. Inoltre, erano presenti, il direttore artistico di Astragali teatro Fabio Tolledi, il responsabile organizzativo dei Cantieri teatrali Koreja Antonio Giannuzzi, la responsabile didattica e formazione Teatro dei Veleni Alessandra Cocciolo Minuz, il regista Teatro Zemrude e C.A.P.R.A. Agostino Aresu, il regista Principio Attivo Teatro Fabrizio Pugliese ed il vice presidente Fondo Verri Piero Rapanà.

Avrà inizio l’11 giugno, questa rassegna teatrale organizzata dal Comune di San Cesario di Lecce nell’ambito del programma di riqualificazione urbana, finanziato dal fondo europeo di sviluppo regionale P.O. 2007-2013 Programma Operativo FESR Puglia 2007-2013 – Asse VII Linea d’intervento 7.2 Azione 7.2.1 INVESTIAMO NEL VOSTRO FUTURO, START-UP ATTIVITA’ CULTURALI.

Nell’anno europeo del patrimonio industriale, la rassegna teatrale avrà come scenario proprio la Distilleria De Giorgi, ampio complesso di archeologia industriale recentemente restaurato e consegnato alla cittadinanza con lo scopo di farne un contenitore culturale capace di valorizzare in maniera innovativa la storia, non solo industriale della comunità di San Cesario. A partire dall’11 giugno, data del primo spettacolo, fino al 10 luglio, Astragali teatro, Cantieri teatrali Koreja, Principio Attivo Teatro, Teatro dei Veleni, Zemrude Teatro e Fondo Verri porteranno in scena rappresentazioni sperimentali inedite e originali, esito di un lavoro compiuto sul territorio attraverso laboratori urbani che hanno coinvolto residenti e non. La Distilleria, inoltre, non ha rappresentato un semplice contenitore, ma si è trasformata essa stessa in contenuto: la rassegna teatrale, infatti, ha come tema proprio la memoria del lavoro all’epoca  delle distillerie. Un’iniziativa, quindi, per far rivivere i luoghi senza snaturarli e per promuovere la memoria collettiva valorizzando le energie del territorio attraverso politiche a  sostegno della cultura. L’ingresso sarà gratuito, per consentire la più ampia partecipazione e rendere accessibile a tutti il piacere del teatro e della riscoperta delle proprie radici.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.