Tempo di lettura: 1 minuto

film rinascere in PugliaLECCE – Stasera, alle ore 19:30, nell’ambito della Rassegna dell’Europe Direct del Salento “Europa e dintorni“, sarà proiettato il film “Rinascere in Puglia”, un film-documentario israeliano sull’accoglienza salentina ai superstiti ebrei delle persecuzioni della Shoah. Ospiti alla proiezione e al dibattito saranno la regista Yael Katzir, lo sceneggiatore Gady Castel e due delle promotrici del film, le due “figlie di Leuca” Rivka Cohen e Shuni Lifshìtz con il coordinamento di Fabrizio Lelli, docente di Ebraico all’Università del Salento, curatore del sito www.profughiebreinpuglia.it

Il documentario racconta la storia di Rivka, Shuni ed Ester, tre israeliane nate a Leuca nell’immediato dopoguerra e della loro ricerca di radici nella Puglia meridionale, accomunate dalle esperienze dei loro genitori, deportati nei lager, liberati per essere istradati nei campi di transito e vissuti per un lungo periodo tra Santa Maria al Bagno, Santa Cesarea, Tricase e Santa Maria di Leuca.

profughi ebrei a Santa CesareaUna comunità di “migranti forzati” che interagì con gli italiani del territorio e in cui s’intrecciarono esempi di solidarietà e partecipazione alle situazioni drammatiche causate dal conflitto. I “figli di Leuca“, nati nella maternità nella cittadina del Capo tra il 1946 e il 1947, sono a tutti gli effetti italiani anche se cambiarono residenza pochi mesi dopo essere venuti alla luce.

Il film “Rinascere in Puglia” è stato fortemente voluto da un gruppo di “figli di Leuca” che hanno voluto ristabilire un legame col Salento, la terra in cui i loro genitori si sono incontrati e sposati, il loro luogo di nascita. Quest’episodio toccante della nostra storia contemporanea, ricostruito sapientemente dal documentario, è un esempio di come lo spirito dell’accoglienza possa unire popoli in apparenza diversi e di come l’Italia abbia da sempre costituito un ponte ideale tra tradizioni e culture.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.