Tempo di lettura: 2 minuti

TesoroLECCE (di Carmen Tommasi) – Lui, il patron Savino Tesoro, parla con assoluta razionalità, freddezza, lucidità e con convinzione, guardando tutti negli occhi e non facendo trasparire alcuna apparente emozione. Lei, invece, la signora Maria Tesoro, moglie del numero uno del club giallorosso, segue con attenzione le parole del marito, annuisce, sorride e è la meno convinta nel dover dire addio al suo amato Lecce. Parla ancora con il cuore, lei che ha amato, forse più di ogni altro membro della sua famiglia la squadra, il mare e la gente del Salento.

È seduta in sala stampa anche lei, in ultima fila, insieme ai giornalisti. Indossa una casacca gialla, mentre il figlio, il diesse Antonio, è in terza fila ad ascoltare silenzioso anche lui le parole del padre. Il direttore sportivo non parla, si muove a dimostrare di non sentirsi propriamente a suo agio, “giochicchia” con gli occhiali da sole, si guarda intorno e si “rosicchia” le unghie. Parla con gli occhi però e chissà cosa avrebbe voglia di dire. Si assenta per un po’ durante il discorso del padre e poi rientra in una conferenza che dura più di 45 minuti e poi, alla conclusione, la famiglia Tesoro saluta tutti.Maria Tesoro

“Presidente, ci ripensa?” “No, assolutamente no”, dice convinto anche a microfoni spenti il numero uno di Spinazzola e lei, la donna di casa, lo guarda impotente. Ormai sono proprio tutti decisi a non tornare più indietro sui propri passi, ma mentre vanno via dal “Via del Mare” lei ricorda il suo posto occupato in tribuna a tifare Lecce per tutti i tre anni. Un amore, come gli amori veri, finito, ma mai del tutto. Intenzionalmente interrotto sì, ma non col cuore. E questo, glielo si legge anche negli occhi del solo apparentemente glaciale presidente Savino che sale in macchina, avvia il motore e si lascia alle spalle lo stadio, i giornalisti, i pensieri e tre campionati vissuti sempre in trincea.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.