Tempo di lettura: 2 minuti
TOPFLOP
Lecce-Ischia: top&flop

LECCE (di Carmen Tommasi) – Un “infinito” Abdou Doumbia regala i tre punti al suo Lecce e manda k.o. l’Ischia Isolaverde. Match senza storia al “Via del Mare”: i padroni di casa battono 3-0 la squadra di Agenone Maurizi grazie ad una tripletta dell’attaccante franco-maliano. La gara, con gli ospiti in inferiorità numerica dal 29′ del primo tempo per l’espulsione di Gianmarco Gerevini, cambia volto dopo nemmeno venti minuti per merito dell’ex Parma bravo a sfruttare al meglio due assist dell’uruguaiano Walter Lopez. Vittoria quella dei giallorossi che potrebbe risultare inutile ad una partita dalla fine del campionato, perché distanti ancora 4 lunghezze dalla zona play-off (dopo i successi di Matera e Juve Stabia).

TOP Abdou Doumbia. Immenso. “Dudù”, dopo un inizio di campionato da dimenticare con le critiche dei più, sembra essere rinato con la “cura” Alberto Bollini. Prima tripletta con la maglia del Lecce e quattro gol messi a segno nelle ultime tre partite che hanno regalato 9 punti alla comitiva salentina. L’ex Parma è senza ombra di dubbio in forma smagliante e il “Via del Mare” gli rende il giusto onore con degli applausi “scroscianti”, quando al 64’ della ripresa lascia spazio a Fabrizio Miccoli. STANDING OVATION, GIÙ IL CAPPELLO. 

FLOPNessuno. Col cuore. Nell’ultima partita di campionato al “Via del Mare”, dove il Lecce ha conquistato ben 47 dei 66 punti totali in classifica con la media punti casalinga migliore del girone C, capitan Bogliacino e soci hanno tutti contribuito a portare a casa una vittoria sentita ed arrivata attraverso il bel gioco, in una delle partite, forse, meglio giocate da quando il tecnico Alberto Bollini è alla guida del Lecce, nonostante un Ischia Isolaverde per niente propositiva ed in giornata del tutto negativa. TESTA, CORSA E IMPEGNO: QUASI PERFETTI.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.