Tempo di lettura: 1 minuto

volantino_0Festa del 1° maggio “green” al Museo di Storia naturale del Salento di Calimera, che ospita l’Osservatorio faunistico della Provincia di Lecce (con tre centri per la cura della fauna selvatica, esotica e tartarughe marine).

Dopo il successo della giornata del 25 aprile, in cui sono stati registrati oltre 900 visitatori, la struttura museale situata sulla strada provinciale 275 Calimera – Borgagne,  al Km 1, torna al accogliere adulti e bambini dalle 10 del mattino fino al tramonto. Anche in questa occasione i bambini fino a 13 anni entreranno gratis. Sono previste visite al Parco faunistico, ospitato nell’antico bosco di lecci “Lu tuzzu”, dove si possono osservare da vicino rari esemplari di fauna selvatica che non posso essere reinseriti in natura; al Vivarium, dove rettili, insetti e anfibi, sono ospitati in ricostruzioni di micro habitat; al Museo di Storia naturale con le sue numerose sezioni espositive (biologia marina, mineralogia, paleontologia e paleoantropologia, ornitologia, astronomia, malacologia, entomologia, teratologia ed embriologia).

Durante la giornata, inoltre, si potrà assistere alla reintroduzione in habitat naturale di alcuni rapaci feriti, curati presso l’Ospedale degli animali selvatici, e all’osservazione guidata del sole con i telescopi del Gruppo Astrofili Salentini. In programma anche attività ludico-didattiche per i più piccoli, a cura della cooperativa “Il Dado gira” (a pagamento). All’interno del Museo, infine, si trovano un negozio, un punto ristoro bar, panineria e creperia, mentre all’esterno la struttura dispone di un’area parcheggio gratuita, di un’area picnic attrezzata, di servizi igienici attrezzati anche per disabili e di un’area relax.

Nota – Questo comunicato è stato pubblicato integralmente così come è giunto in Redazione . Pertanto questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di “Leccezionale”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.