Tempo di lettura: 2 minuti

BIKERS Dalle Dolomiti al SalentoLEUCA – La Marathon del Salento non è finita. Lo dimostra la scia di avvenimenti in corso che prendono spunto proprio da quella gara che, il 22 marzo nel Parco Naturale di Ugento, ha fatto correre in bike sotto la pioggia quasi mille bikers. Freddy, Giuseppe, Christian, Patrick e Sonny la Marathon se la sono persa per una serie di impegni personali, ma al Salento in bike non hanno voluto rinunciare. Sono partiti l’11 aprile da Dobbiaco, sulle Alpi a pochi chilometri dall’Austria, e sono arrivati a Santa Maria di Leuca il 21 aprile scorso: 10 giorni e 10 tappe per pedalare l’Italia in tutta la sua bellezza. I 1200 km di curve, salite, ma anche panorami mozzafiato, ospitalità, storie da conservare nel cuore per sempre.

“Siamo tutti una famiglia: io, mio fratello, mio cognato e i miei nipoti. È stata un’esperienza formativa per tutti, perché la traversata in gruppo ti insegna ad ascoltare l’altro, ad attendere il più lento, a sostenere chi è in difficoltà, a chiedere aiuto a tua volta, e a saper condividere le bellezze della natura e dell’esperienza. C’è il sacrificio, ma c’è anche una grande gioia collettiva”, racconta Freddy, l’adulto del gruppo. Grande supporto da Fun Active e da Puia Emotion per questa traversata, che quindi è un evento di sport ma anche di vita.

Treviso, Ravenna, Umbertide, Sulmona. Ma anche Assisi, L’Aquila, Alberobello. “Arrivare a L’Aquila è stata un’emozione molto forte, perché i segni del terremoto sono ancora evidentissimi e quando la visiti a cuore aperto come abbiamo fatto noi, non puoi che sentirne le ferite. Ma c’è da dire che l’Italia è davvero meravigliosa, sorprendente. Sia per le sue bellezze che per l’accoglienza, unica da Nord a Sud. E all’arrivo nel Salento anche il vento ci ha aiutati, accompagnando favorevolmente la nostra pedalata. Lo abbiamo attraversato da est a ovest, fino a Santa Maria di Leuca e Finibus Terrae: sono dei posti mozzafiato!”

Si fermeranno qualche giorno per visitare le coste e l’entroterra. È stato più che spontaneo l’incontro con lo staff della Marathon del Salento, che del Trentino ormai mastica anche l’accento vista l’amicizia e la partnership con la Dolomiti Super Bike. Sicuramente un filo teso durante i giorni della Marathon, che difficilmente si spezzerà.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.