Tempo di lettura: 3 minuti
Antonio Anglani, difensore del Nardò (foto D.Nestola)
Antonio Anglani, difensore del Nardò (foto D. Nestola)

NARDÒ (di Gabriele De Pandis)- Mentalità vincente per condurre il Nardò alla vittoria dei play-off nazionali dopo la matematica conquista del +7 sulla terza classificata che annulla la disputa dei play-off regionali. A portare il Toro a questo prestigioso risultato al primo campionato dopo la rinascita targata Fanuli ha contribuito sicuramente la difesa, migliore reparto del girone quando alla fine manca solo il match dell’ultima giornata contro l’Hellas Taranto. Antonio Anglani, centrale 32enne, è uno dei pilastri del pacchetto difensivo granata e proprio nel rush finale di maggio cercherà la vittoria che porterebbe a cinque il numero di stagioni concluse con la promozione. “Io amo vincere. Il mio pensiero in questo momento, dopo aver conquistato già quattro campionati, è raggiungere quota 5 promozioni, 5 come il mio numero preferito che indosso anche ogni domenica”, così l’ex Mola cerca di sintetizzare i suoi intenti per l’immediato futuro, magari seguito da una continuazione dell’esperienza granata: “Sono venuto qui per conquistare la promozione e, una volta raggiunta, vorrei rimanere”. Anglani è una garanzia di sicurezza sulla quale mister Ragno poggerà il suo meccanismo nella semifinale prevista per le date del 17 e 24 maggio quando il Toro sarà opposto ad una tra Mazara, Pro Favara e Sancataldese.

“Contenti del lavoro fatto”- Il bilancio dei primi mesi neretini di Anglani è più che positivo: “Personalmente sono molto contento di essere venuto a Nardò, era da molto che desideravo di giocare in una piazza così importante con un pubblico numeroso. Il momento più bello è stato quando sono arrivato, ero felicissimo a livello personale. A livello di squadra, invece, l’ottenimento di questo traguardo è stata la cosa più positiva; se non erro, non è mai successo che una squadra raggiungesse i play-off nazionali senza disputare quelli regionali, questo ci deve dare tanto orgoglio dopo un ottimo campionato. Il momento peggiore? Quando dovevamo dare il massimo tra Francavilla e Mola abbiamo avuto quattro-cinque infortuni importanti proprio nel nostro momento di maggior appannamento. In ogni caso ci siamo ripresi, siamo contenti del lavoro fatto sinora e cercheremo di chiudere in bellezza”.

“Ragno, un professionista”- Il difensore di Cisternino spende buone parole per mister Nicola Ragno, suo allenatore anche nella scorsa stagione (vincente, guarda caso, dopo i play-off) alla Fidelis Andria, campionato a cui è seguita la chiamata del trainer molfettese anche per quest’esperienza salentina: “Sicuramente, tra tutti i miei compagni, io il mister lo conosco più di tutti. Ho vinto due campionati, ad Andria e Noicattaro, ed una Coppa a Monopoli. È un professionista, preparatissimo, qualità che difficilmente si trova in una serie come l’Eccellenza, dal martedì alla domenica ci spiega tutto dalla A alla Z, delucidandoci al massimo su ogni aspetto che riguarda l’avversario. Lui ha dato quel tocco in più a livello tattico ed a livello del progetto.”

“Fare i professionisti”- La mentalità vincente di Anglani, ex di Monopoli, Terlizzi e Mola oltre che dell’Andria, è evidente anche analizzando le due spedizioni vincenti nei play-off disputate dal centrale, entrambe spese con mister Nicola Ragno in panchina. Le esperienze vincenti inducono il difensore a tracciare la rotta giusta in questo mese di preparazione: “ Beh, non è la prima volta che faccio i play-off. Ho disputato e vinto il post-season l’anno scorso ad Andria e a Noicattaro. Non è facile, e non solamente per l’aspetto sportivo; arriveranno i primi caldi e in campo si farà molta fatica. Il consiglio che posso dare ai miei compagni, in questo mese di preparazione all’impegno, di allenarsi giorno dopo giorno continuando a fare i professionisti, perché bisogna fare di tutto per riportare questa piazza in Serie D”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.