Tempo di lettura: 1 minuto

FamularoLECCE (di Silvia Famularo) – Sono stata fortunata, come figlia e come moglie perché affianco a me, senza soluzione di continuità, ho avuto due meravigliosi uomini.

Mio padre mi ha insegnato che quello che conta nel mondo sono le persone, che l’onesta e l’integrità magari non pagano ma ti fanno star bene con te stesso e quanto sia profondo il rapporto tra la felicità e l’amore. Mi ha insegnato che la vita non si vive per gli occhi degli altri né si misura in decenni o in stagioni o in mesi ma in pomeriggi di sole, in gite e colazioni, in nottate insonni per il pianto di un bambino, in serate trascorse sul divano con la tua famiglia; se non si trova la felicità in questo non si sarà mai soddisfatti. Mi ha insegnato a credere in me stessa, una formula magica questa che ti permette di utilizzare tutte le tue energie per arrivare ad essere o a fare quello che si desidera e se poi non ci riesci, non sarai logorato dai rimpianti perché tu ci hai provato. Mi ha insegnato che non c’è niente di più sbagliato del trattare le persone, vicine e lontane, con l’indifferenza e l’apatia. Mi ha insegnato a diventare donna.

Mio marito, forse anche più di mio padre perché in un altro tempo, è sicurezza, esempio e tenerezza per i suoi figli ed… anche un po’ per me.

 

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.