Tempo di lettura: 3 minuti
TOPFLOP
TOP&FLOP per reparto di Cosenza-Lecce

LECCE (di Carmen Tommasi) – Così non va: seconda sconfitta di fila per il Lecce di Alberto Bollini. Allo stadio “San Vito” di Cosenza ci pensa Elio Calderini nel primo tempo a mandare in bambola la difesa del Lecce e a siglare il gol prodezza dell’1-0, su azione da solista, che è valso i tre punti ai calabresi. La rete del vantaggio è arrivata nel miglior momento dei giallorossi, che poi hanno provato in tutti i modi a superare il buon Nicola Ravagna, prima con Abruzzese, Embalo, Moscardelli e nella ripresa anche con Daniele Mannini. Giallorossi troppo fragili a centrocampo, non perspicaci e abili a finalizzare in avanti e puniti oltremisura dagli avversari nell’unica palla gol avuta nei primi 45’, così come successo nel match con la Juve Stabia. La classifica a otto partite dalla fine del campionato parla chiaro: 51 punti e play-off seriamente a rischio per i salentini, il distacco dalla Casertana e dalla Juve Stabia è ora a +4.

DIFESA

TopWalter Lopez: PUNTIGLIOSO. Il terzino uruguaiano rientra dalla giornata di squalifica e ritorna dominatore sull’out sinistro: sono tantissimi i palloni toccati dall’ex Penarol, numerosi cross “spizzati” in avanti e tanta corsa su e giù sulla fascia di propria competenza. Qualche appoggio di troppo sbagliato e risulta poco efficace dalla trequarti in poi, ma ci sta se si ha alle calcagna uno come Criaco. Indomabile.

FlopKevin Vinetot: INGENUO. Il centrale francese, dopo due partite da protagonista, si rende complice insieme a Marcus Diniz, del gol vittoria messo a segno da Calderini imbeccato dal compagno Cristian Caccetta, L’ex Crotone, poi, se la cava con disinvoltura fino a quando resta in campo. Al 79’ della ripresa lascia spazio a Fabrizio Miccoli. Sbavatura pesante.

CENTROCAMPO

Quasi top Stefano Salvi: CUORE PULSANTE. Il centrocampista romano, parte inspiegabilmente dalla panchina, entra in campo al 56’ della ripresa e con il solito savoir faire si danna l’anima per cercare di portare i suoi sull1-1. Si trasforma, a fasi alterne, in vice Papini e prova ad imbastire la manovra, e quando serve fa del suo anche in fase di interdizione. Non efficace, ma generoso: almeno ci prova, uno dei pochi.

FlopFilipe Gomes Ribeiro: FRENO A MANO TIRATO. L’ex Perugia resta in campo fino al 56’, gioca da mezz’ala sinistra e si sa che quello non è il ruolo che più sta nelle corde del regista brasiliano dai piedi buoni. Prova andare in gol, invita a Abruzzese a farlo e cerca di rendersi protagonista della manovra giallorossa, ma senza fortuna: cala ad inizio ripresa e Bollini gli preferisce un più fresco Stefano Salvi. QUALITÀ SPRECATA, DISORIENTATO.

ATTACCO

Tutti flop – INOPEROSI. Attacco inconcludente quello del Lecce, con Davide Moscardelli che fa a sportellate dal primo all’ultimo minuto con l’avversario di turno, ma che è spesso isolato e a cui arrivano pochissimi palloni giocabili. Del tutto inconsistente, invece, la prestazione, durata solo 45’ minuti, di Jacopo Manconi: il baby giallorosso, classe ’94, fa fatica a trovare una condizione accettabile, come è giusto che sia per un elemento che non gioca continuità, e appare sfasato nel tridente d’attacco. Decisamente non positivo nemmeno l’ingresso in campo del brasiliano, dal 1′ della ripresa, di Gustavo Di Mauro Vagenin, bei dribbling ma pur sempre inconcludente e fazioso nel proporsi in avanti. Quasi sufficiente la prova di Carlos Embalo: l’ex Palermo va vicino al gol in più occasioni ed è sempre in movimento, un grattacapo per gli avversari. Nemmeno l’ingresso in campo di Fabrizio Miccoli (al 79′) ha cambiato le sorti del gioco. STERILI, SENZA BUSSOLA.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.