Tempo di lettura: 1 minuto

Apple-Watch-logoSi è alzato il velo sull’atteso Apple watch, l’orologio multimediale che il gigante tecnologico di Cupertino ha annunciato alla fine di settembre dell’anno scorso, solleticando gli appetiti del mercato e di milioni di appassionati. La curiosità è grande, considerato che si tratta del primo nuovo prodotto lanciato da Apple sul mercato da cinque anni a questa parte, quando fu presentato alla stampa e al pubblico l’iPad. E le certezze non sono moltissime.

A cominciare dal prezzo, che dovrebbe partire da 349 dollari per il modello “base”, con cinturino in plastica e cassa in alluminio, ma che potrebbe raggiungere cifre stratosferiche (dai 2 mila ai 20 mila dollari) per il modello extralusso Apple Watch Edition con cassa in oro a 18 carati. Ci sara’ anche un modello intermedio, il Watch Sport Collection. L’orologio avra’ un quadrante rettangolare, consentira’ di navigare sulle app e tenere d’occhio le e-mail, senza dover estrarre l’iPad o l’iPhone.

Si potrà anche usare per i pagamenti sul sistema Apple Pay e da telecomando per accendere la Apple tv sugli altri dispositivi Apple.  Ma quello della funzionalità dell’oggetto è un altro punto chiave su cui è concentrata l’attesa di operatori e clienti: fino ad oggi l’uso degli smartwatch è stato molto limitato a causa della durata della batteria. Tim Cook, ceo di Apple, asicura che il suo prototipo dura un’intera giornata.  Ma su questo le voci sono contrastanti: c’è chi parla di una ventina di ore, chi invece ritiene che l’uso intenso delle app potrebbe invece far durare la batteria solo poche ore.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.