Tempo di lettura: 5 minuti

photo-paoloDUn immobile ogni due giorni. Venduto o affittato dall’inizio dell’anno. E oltre 120 trattative concluse positivamente nel corso del 2014, ossia una ogni 3 giorni. Due franchising attivati a Pavia e Torino. Sono questi i numeri di Immo-neo.com, il sistema di compravendita e affitto di immobili basato sul rapporto diretto tra privati, senza il coinvolgimento di alcun intermediario e senza commissioni d’agenzia, che sfrutta attraverso un portale web i vantaggi e le potenzialità offerte dalla rete e dai social network.

 Immo-neo.com è una startup lanciata in Costa Azzurra e importata in Italia da quattro giovani architetti che hanno scommesso sul binomio “case + web”, anche come soluzione per superare la crisi occupazionale, affrontando in modo innovativo il settore immobiliare.

 E c’è anche un po’ di Salento dietro al successo di Immo-neo.com: uno dei quattro fondatori è infatti il giovane architetto Paolo De Lorenzis. 29 anni, nato a Galatina, in provincia di Lecce, De Lorenzis si è trasferito a Milano per motivi di studio, e nel 2011 si è laureato in Urbanistica alla facoltà di Architettura del Politecnico di Milano, dove ha collaborato con il Dipartimento di Architettura e Pianificazione e con l’Ufficio Orientamento. Ha frequentato inoltre il Corso di Perfezionamento in Sistemi Informativi e Governo del Territorio, finalizzato all’apprendimento del funzionamento di programmi utilizzati, tra le altre cose, per l’analisi delle dinamiche demografiche ed economiche del territorio, al fine di determinare i valori di mercato di un immobile.

 “Nel 2012 eravamo quattro giovani laureati, e insieme stavamo iniziando a lavorare nel campo dell’architettura e dell’urbanistica, con l’idea di aprire uno studio tutto nostro, racconta Paolo De Lorenzis. Ma quando durante una vacanza in Costa Azzurra l’amico Marco Lardera, uno dei co-fondatori, è venuto a conoscenza dell’esistenza di Immo-neo.com, tutto è cambiato nelle nostre vite. Le limitate prospettive professionali e la generale crisi economica ci hanno spinto a valutare se ci fosse un ambito in cui mettere a frutto le conoscenze acquisite. E la risposta è stata Immo-neo.com, che ci ha consentito di entrare nel settore immobiliare con modalità, strumenti e idee nuove, utilizzando però le nostre competenze di architetti per la valorizzazione degli immobili messi in affitto o vendita.

 Quando Lardera ci ha proposto l’importazione di Immo-neo.com in Italia, abbiamo aderito con entusiasmo alla proposta e creato una società per l’acquisizione del marchio in esclusiva per l’Italia, e ci siamo tuffati in quest’avventura, che è di fatto la nostra prima grande sfida professionale. Indubbiamente faticosa, ma anche ricca di soddisfazioni”.

 TeamAbbeyRoadE con Immo-neo.com arriva nelle case degli italiani anche un servizio diffuso negli Stati Uniti e in Inghilterra fin dagli anni Ottanta, ma assolutamente nuovo per l’Italia: l’Home Staging. Un servizio che propone soluzioni semplici e poco costose. E che, a differenza di una ristrutturazione, non prevede interventi radicali ma solo l’individuazione di aree di miglioramento come la disposizione dei mobili, l’eliminazione di oggetti superflui, la riorganizzazione degli ambienti o l’aggiunta di semplici elementi come ad esempio un tappeto, una tenda o uno specchio. Non si tratta di maquillage o di intervenire per nascondere, ma al contrario, di valorizzare cioè che già c’è ma non emerge o non viene valorizzato appieno. Il tutto, sulla base delle indicazioni e dei suggerimenti dei quattro ragazzi di Immo-neo.com.

 L’Home Staging ha un’importanza fondamentale al fine della vendita dell’immobile, perché contribuisce a formare la prima impressione del potenziale acquirente. E ciò è fondamentale se si considera che è proprio il primo giudizio ad essere fondamentale nella decisione d’acquisto.

Come ricorda De Lorenzis, infatti “Quando visita un immobile, solitamente un cliente decide l’acquisto nel corso dei primi 90 secondi. È quindi fondamentale fare in modo che da subito possa fare un’ottima impressione sul potenziale acquirente. Per fare questo è importante avere il supporto di un esperto, perché abitare per lungo tempo nella stessa casa rischia di far perdere l’obiettività necessaria per valutare e decidere le migliorie e i cambiamenti da apportare per venderla più velocemente e al giusto prezzo di mercato”.
StartE
 grazie a Immo-neo.com, prosegue, i costi a carico dei clienti sono decisamente più bassi rispetto ai tradizionali canali di vendita, con un risparmio, sia per il venditore che per il compratore, che può arrivare fino al 6% del valore complessivo dell’immobile. Per fare un esempio pratico, pensiamo all’acquisto di un trilocale a Milano del valore di 300mila euro dove, rivolgendosi a un’agenzia, sia il proprietario che l’acquirente andrebbero incontro ciascuno una spesa di 9 mila euro (con commissione media di agenzia calcolata al 3%), mentre con Immo-neo.com la tariffa sarebbe di soli 699 euro, unicamente a carico del venditore”.

 Oltre a confermare i segnali positivi che arrivano in generale dal mercato immobiliare, la performance di Immo-neo.com testimoniano come il web e i social network rappresentino ormai uno strumento imprescindibile anche per questo settore professionale.

 “La crescita del web ha portato a un forte rinnovamento nei diversi ambiti professionali, cambiando le abitudini relative alle modalità di acquisto di beni e servizi da parte dei privati, prosegue De Lorenzis. Il settore immobiliare non si è adeguato ai cambiamenti del mercato e non ha saputo ancora cogliere appieno le opportunità offerte dal web e da tecnologie sempre più avanzate e pensate per soddisfare al meglio le esigenze del cliente. Con Immo-neo.com, ha concluso De Lorenzis, ci inseriamo in questo gap con l’ambizione di colmarlo”.

Nota – Questo comunicato è stato pubblicato integralmente così come è giunto in Redazione . Pertanto questo contenuto non è un articolo prodotto dalla redazione di “Leccezionale”.

 

 

 

 

 

 

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.