Tempo di lettura: 6 minuti

Lecce-MessinaLECCE (di Italo Aromolo) – In un momento di grandi punti interrogativi sul proprio futuro, la certezza di una tradizione vincente accompagna il Lecce nell’avvicinamento alla sfida con il Messina. Nella quasi ottantennale storia del classico del Sud, i giallorossi salentini hanno lasciato ben poche soddisfazioni ai peloritani, tornati dal Salento con una sconfitta in ben 11 dei 19 precedenti disputati.

Il primo successo pugliese risale all’anteguerra: nel 1938, Lecce e Messina si sfidavano al campo “XXVIII Ottobre”. Campo, perché erano i tempi in cui l’impianto leccese, neanche lontanamente paragonabile ad uno stadio, era solo una piccola distesa di terra sul Viale degli Studenti (lo stesso che dopo la caduta del fascismo sarebbe stato rinominato “Carlo Pranzo”). I padroni di casa si imposero per 2-0 grazie alla doppietta dell’attaccante Angelo Catesi. Fu un campionato passato alla storia per la delibera federale che, a fine stagione, decretò la retrocessione del Lecce dal terzo all’ultimo posto per irregolarità nella campagna trasferimenti e per aver pagato oltre misura premi e ingaggi dei propri tesserati.

A proposito di retrocessioni a tavolino, nel segno di un derby con il Bari fu l’ultimo Lecce-Messina, terminato con un pareggio per 0-0 nella stagione di Serie B 2007/’08. Ai primi di gennaio, la sfida con i peloritani rappresentò il meritato bagno di folla per i ragazzi di mister Beppe Papadopulo, che pochi giorni prima avevano compiuto l’impresa di andare a vincere 4-0 sul campo degli odiati rivali. Davanti a settemila spettatori festanti, “El PajaritoJaime Valdes fallì il rigore che avrebbe regalato la vittoria contro il Messina degli ex Emanuele Manitta e Mariano Stendardo.

La storia di Lecce-Messina porta con sé il blasone di due precedenti disputati nella massima serie: nel febbraio 2005, il Lecce dell’ex della panchina Zdenek Zeman (tecnico dei siciliani nella stagione 1989/’90) riuscì ad avere ragione di un Messina abile a resistere sullo 0-0 fino a quattro minuti dalla fine, finché Sasa Bjelanovic non riuscì a superare il portiere avversario Storari capitalizzando un cross dalla destra di Pinardi. Fu una gara fortemente condizionata dall’arbitraggio del signor Nicola Rizzoli di Bologna, attualmente miglior arbitro del mondo ma in quella occasione non impeccabile. Dopo aver assegnato un rigore al Lecce per fallo su Guillermo Giacomazzi, il fischietto emiliano tornava sui propri passi per le proteste dei messinesi che gli avrebbero riferito: “Giacomazzi ha detto che non c’è fallo”. Senza interpellare il centrocampista uruguaiano, il direttore di gara revocava la massima punizione e ammoniva per simulazione il calciatore leccese. Curioso come il fischietto internazionale sia incappato in un’indecisione del tutto simile nell’ultimo Roma-Sassuolo, quando ha ritrattato il penalty sanzionato per fallo di Benatia su Sansone, su ammissione dello stesso attaccante sassuolese (dieci anni dopo, senza ammonirlo).

Nell’altro precedente in Serie A, i siciliani espugnarono il “Via del Mare” con una doppietta di Gaetano D’Agostino, autore di due parabole sopraffine che mettevano in cassaforte una vittoria dal peso specifico altissimo per la formazione ospite. Nell’anno dei tre allenatori Gregucci-Baldini-Rizzo (2005/’06), infatti, il Lecce si classificava al terzultimo posto, retrocedendo per due soli punti di distacco dal Messina quartultimo.

Il bilancio dei 18 precedenti tra Lecce e Messina vede in vantaggio la formazione salentina con 11 vittorie e 4 pareggi all’attivo. Sono solo 3 le imposizioni peloritane, tutte negli ultimi 6 incontri. Messina-Lecce è stata disputata per 10 volte in Serie C (l’ultima nel lontano 1976), per 5 volte in Serie B, per 2 volte in Serie A e per una volta in Coppa Italia. Nei 18 precedenti il Lecce ha realizzato 24 gol, subendone 13.

Precedenti Lecce-MessinaDa Rullo a Caglioni, passando per Lerda: i doppi ex. Saranno uno per parte gli ex di una sfida che vive nel mito di tanti campioni e allenatori del passato – da Giuseppe Materazzi a Stefano Di Chiara, passando per Giampiero Ventura ed Eugenio Fascetti – che hanno scritto la storia di entrambi i club. In casa Lecce, l’ex di turno è Nicholas Caglioni. Guardiano della porta messinese dal 2005 al 2007, l’ex Salernitana ha firmato con i giallorossi il suo esordio in Serie A con un ottima prestazione allo stadio ”Olimpico” di Roma (Lazio-Messina 1-0). Tra le fila siciliane, invece, Erminio Rullo proverà non poca emozione nello scendere in quel campo “suo” fino a pochi giorni fa: il terzino napoletano, poco utilizzato da mister Lerda e ancor meno da mister Pagliari, ha scelto di cambiare destinazione ed è stato ceduto in Sicilia nell’ultimo giorno del calciomercato invernale.

Di seguito i più importanti calciatori e/o allenatori che hanno militato sia nel Messina che nel Lecce:

  • Francesco Bellucci, difensore del Lecce dal 1996 al 1999 e difensore del Messina nella stagione 2002/’03.
  • Sasa Bjelanovic, attaccante del Lecce nella stagione 2004/’05 e attaccante del Messina nel 2014.
  • Bruno Bolchi, allenatore del Messina nelle stagioni 1975/’76, 2002/’03 e 2006/’07 e allenatore del Lecce nella stagione 1992/’93.
  • Nicholas Caglioni, portiere del Messina tra il 2005 e il 2007 e attuale portiere del Lecce.
  • Alberto Cavasin, allenatore del Lecce dal 1999 al 2002 e allenatore del Messina nel 2007.
  • Manuel Coppola, centrocampista del Messina nel 2004 e centrocampista del Lecce nella stagione 2010/’11.
  • Alessandro Cucciari, centrocampista del Lecce tra il 1995 e il 1997 e centrocampista del Messina nella stagione 2004/’05.
  • Tiziano De Patre, centrocampista del Messina nella stagione 1987/’88 e centrocampista del Lecce tra il 1995 e il 1997.
  • Stefano Di Chiara, difensore del Lecce tra il 1983 e il 1987 e difensore del Messina nella stagione 1987/’88.
  • Eugenio Fascetti, centrocampista del Messina nella stagione 1965/’66 e allenatore del Lecce dal 1983 al 1986.
  • Salvatore Foti, attaccante del Messina nel 2008 e attaccante del Lecce nella stagione 2012/’13.
  • Franco Lerda, attaccante del Messina nella stagione 1987/’88 e attuale allenatore del Lecce.
  • Carmelo Mancuso, difensore del Messina tra il 1982 e il 1987 e difensore del Lecce tra il 1995 e il ’98.
  • Emanuele Manitta, portiere del Lecce nella stagione 2000/’01 e portiere del Messina tra il 1996 e il 2000 e nella stagione 2007/’08.
  • Vincenzo Marruocco, portiere del Lecce (nelle Giovanili) nella stagione 1998/’99 e portiere del Messina nella stagione 2003/’04.
  • Raimondo Marino, difensore del Lecce dal 1989 al 1991 e difensore del Messina dal 1991 al 1993. E’ stato allenatore degli Allievi Nazionali del Lecce dal 1997 al 2003, allenatore della Primavera del Lecce nella stagione 2011-2012, e nuovamente allenatore degli Allievi Nazionali del Lecce nella stagione 2012-’13.
  • Giuseppe Materazzi, difensore del Lecce tra il 1968 e il 1975 e allenatore del Messina nella stagione 1990/’91.
  • Gaetano Montenegro, attaccante del Lecce dal 1974 al 1978 e attaccante del Messina nella stagione 1980/’81.
  • Franco Paleari, portiere del Messina dal 1986 al 1988 e allenatore dei portieri del Lecce nella stagione 1995/’96 e dal 1998 al 2006. E’ stato allenatore del Lecce nel 2006, affiancato da Roberto Rizzo.
  • Cristiano Pavone, difensore del Lecce tra il 1998 e il ‘00 e difensore del Messina nella stagione 2002/’03.
  • Carlo Regalia, difensore del Messina nella stagione 1959/’60 e direttore sportivo del Lecce nel 2003 e nella stagione 2005/’06.
  • Erminio Rullo, difensore del Lecce dal 2003 al 2007 e dal 2013 al 2015 attuale difensore del Messina.
  • Gianni Seghedoni, allenatore del Lecce tra il 1966 e il 1968 e allenatore del Messina nel 1984.
  • Mariano Stendardo, difensore del Lecce nel 2004 e difensore del Messina nella stagione 2007/’08.
  • Giampiero Ventura, allenatore del Lecce tra il 1995 e il 1997 e allenatore del Messina nella stagione 2005/’06.
  • Zdenek Zeman, allenatore del Messina 1988/’89 e allenatore del Lecce nella stagione 2004/’05 e nel 2006.

Calcio e storia: accadeva che… Di seguito, alcuni avvenimenti storici che si sono intrecciati con la prima sfida tra Lecce e Messina, datata 6 novembre 1938.

Nel 1938, anno del primo Lecce-Messina, accadeva che…

  • Adolf Hitler assume il comando supremo delle forze armate tedesche.
  • Benito Mussolini legge per la prima volta le Leggi Razziali.
  • L’Italia di Vittorio Pozzo vince il suo secondo Campionato Mondiale di calcio.
  • Scoperta della fissione nucleare dell’uranio.
  • Primo fumetto di Superman.

Nascono Adriano Celentano, Bruno Pizzul ed Edoardo Vianello.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.