Tempo di lettura: 3 minuti
Savino Tesoro mani in alto
Savino Tesoro

LECCE (di Massimiliano Cassone) – Gli “antitesoro” possono gioire: il “barese” ha deciso di lasciare il Lecce a giugno, senza se, senza ma e senza ripensamenti. Savino Tesoro, come un fiume in piena, non ha risparmiato nulla a chi lo ha trattato male fin dal giorno del suo arrivo a Lecce. È riuscito a tollerare quella parte di stampa che non l’ha mai sopportato ma si è sentito tradito da una parte di tifosi, quella stessa parte per cui aveva continuato dopo la seconda finale persa anche se  non è stata la contestazione degli Ultras a fargli maturare la decisione.

Vogliamo soffermarci su un passaggio principale: “A chi si presenta entro una settimana da oggi, cedo il Lecce gratis”. A questo punto non ci resta che invitare tutti, politici e imprenditori, amanti della maglia e cultori della verità assoluta, nostalgici del passato e capaci direttore sportivi di farsi avanti perché il Lecce aspetta voi. Savino Tesoro, se non dovessero presentarsi degli acquirenti, non iscriverà la squadra al prossimo campionato. Il concetto è chiaro e limpido come l’acqua di fonte, si aspettano sviluppi, certi che di tanti critici e criticoni qualche portafoglio si aprirà. O no?

Staremo a vedere. Intanto il Lecce è in corsa per tentare l’approdo in serie B.

Non fa una grinza il discorso del presidente. Ha gestito l’Us Lecce, in quanto azienda, a suo modo perché a mettere i soldi è stato lui; a volte ha sbagliato, come è vero ed ovvio che tutti lo facciano, ma ha pagato gli errori di tasca sua, coi suoi quattrini e non ci sono sponsor politici e imprenditori di cordata che possano rimproverargli nulla perché la gestione è prettamente familiare ed i bilanci sono apposto. Anzi l’Us Lecce vanta dei crediti e ha un patrimonio di calciatori di proprietà.

Ora chi tiene alle sorti del calcio leccese incominci a muoversi, se non arriveranno cordate (pensiamo che il problema non sussista, perché ci sarà qualcuno sicuramente) il futuro è nelle mani di quella politica che non ha fatto nulla per agevolare Savino Tesoro in questi anni.

L’imprenditore di Spinazzola ha invitato tutti ad una presa di coscienza: “Io c’ero e ci sono ma non ci sarò, avanti il prossimo”. 

È una sfida al tessuto imprenditoriale e capitalistico leccese, specie a chi non ha lesinato critiche dimenticando che chi fa sbaglia e chi non fa insegna. Ora si mettano tutti sull’attenti e lo facciano per amore della maglia giallorossa, ci mettano la faccia, specialmente chi ha criticato oltremodo l’operato della società in questi due anni e mezzo.

Detto questo, andiamo avanti, ci sono 14 gare da giocare e vincere (quante più possibile) per scalare il monte che porta ai Play Off e poi in serie B, la matematica dice a chiari numeri che si può e si deve credere alla promozione.

Niente allarmismi, bisogna guardare avanti. Tutti siamo importanti ma nessuno è indispensabile, qualcuno arriverà.

Vero è però che “Lecce” non ha saputo per niente coccolare la famiglia Tesoro che con amore (errori compresi) non ha lesinato il proprio impegno. Questa è la verità…

Ai contestatori da tastiera compresi tutti i detrattori di questa gestione consigliamo di cambiare ritornello, inutile continuare a parlare male di Tesoro: lui non c’è più. Magari incominciate a contestare chi arriverà dopo, tanto per trovarvi il lavoro mezzo fatto. Non sappiamo chi arriverà? Iniziate a contestare a prescindere.

Benedetto sia il gioco del calcio, scienza inesatta di cui tutti siamo scienziati.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.