Tempo di lettura: 1 minuto
SVICAT PARTENOPE
Svicat Partenope, foto Tauro

La Svicat perde in casa contro la Partenope dopo una gara combattuta e giocata su livelli agonistici altissimi.

PRIMO TEMPO –  Gli ospiti accelerano subito e vanno in meta dopo pochi minuti (poi non la trasformano). La Svicat non riesce a reagire e subisce, dalla piazzola, altri punti. I campani continuano a incanalare azioni positive e si portano sul 22-0 con due mete e due punti dalla piazzola. Poi arriva la reazione dei leoni verdi che agguantano prima dello scadere del tempo 5 punti con la meta di Andrea Forte.

SECONDO TEMPO – I padroni di casa partono forte e con Peens trovano subito tre punti, preludio della meta realizzata da Rapanà entrato in campo al posto dell’infortunato Corbascio. La Partenope però trova tre punti dalla piazzola; sul 13-25 è ancora Peens a trovare tre punti dalla piazzola e quindi a portare il parziale del match sul 18-25. Nel momento migliore della Svicat arriva però la quarta meta di giornata dei biancazzurri che, grazie al successivo piazzato vincente, portano il tabellino sul 18-32. La Svicat ci crede e va ancora in meta con Davide Signore; Peens non sbaglia dalla piazzola e quindi parziale fermo sul 25-32. Tenteranno fino alla fine di riagguantare il risultato ma la gara finirà così.

Fabrizio Camilli, Foto di Paolo Tauro
Fabrizio Camilli, Foto di Paolo Tauro

Il Presidente Fabrizio Camilli a fine gara è intervenuto elogiando, nonostante la sconfitta, i suoi: “la Svicat è una grande squadra, capace di non farsi mettere i piedi in testa da nessuno, nemmeno dalla capolista. Menzione particolare per il nostro capitano che, costretto a stare fuori per un infortunio, ha preso per mano la squadra per tutti gli ottanta minuti di gioco”

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.