Tempo di lettura: 1 minuto

Silvia 2CAMPI SALENTINA (di Silvia Famularo) – “Vent’anni di Città del libro non sono un traguardo ma un punto di partenza”. Con queste parole esordisce in conferenza stampa il presidente Fabio Sirsi della Fondazione onlus che organizza la prestigiosa rassegna che ha guadagnato nel tempo un importante ruolo di riferimento del mondo culturale italiano e non solo. “Mare Nostrum, storie di navigatori, santi e poeti” questo il titolo dell’edizione 2014 che esplicita il senso della manifestazione che vuol farsi ponte tra le varie culture del mediterraneo senza per questo dimenticare il territorio salentino sempre ricco di eccellenze e di iniziative creative e stimolanti. Da giovedì 11 a domenica 14, nelle strutture del Quartiere Fieristico di Campi, cultura ed arte si fonderanno per offrire ai visitatori un ventaglio di proposte coinvolgenti come presentazioni di libri e di autori, mostre, film, workshop.

La conferenza stampa di presentazione della rassegna si è svolta questa mattina nella magnifica e quanto mai adatta cornice della biblioteca dell’Istituto Calasanzio dei Padri Scolopi di Campi Salentina il cui rettore, Padre Giuseppe Zonno, con giusto orgoglio ha evidenziato come “Da qui parte il dire e il fare…” di una manifestazione come “La Città del Libro”, in una cittadina che sempre ha creduto all’importanza della cultura nella crescita di una comunità.

Padre Zonno
Padre Zonno

Insieme al presidente Fabio Sirsi e al rettore Padre Giuseppe Zonno, erano presenti alla presentazione dell’evento il sindaco di Campi Egidio Zacheo, ideatore della manifestazione, il presidente del Gal Terre di Arneo Cosimo Durante, l’assessore alla cultura della città di Campi Davide De Matteis, il direttore artistico Roberto Quarta, il direttore di produzione dell’Ecologico International Film Festival Stefano Conte e l’editore Livio Muci.

INFO E PROGRAMMA SUL  SITO UFFICIALE: http://www.cittadellibro.net

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.