Tempo di lettura: 2 minuti

Lerda, leccezionale.itSQUINZANO (di Carmen Tommasi) – Quella con la capolista Benevento allo stadio “Ciro Vigorito”, a parere del tecnico Franco Lerda, è una partita importantissima, ma non decisiva per le sorti in campionato del suo Lecce: “Quella di domani contro i campani è una gara importante, perché entrambe le squadre sono state costruite per arrivare in fondo alla classifica -spiega l’allenatore piemontese- e per vincere, ma siamo ancora alla quattordicesima giornata del campionato e, quindi, a prescindere da quello che sarà il risultato finale questa partita non potrà dare delle sentenze definitive. Anche perché in questo campionato regna un equilibrio notevole ed è ancora molto lungo. Gli undici iniziali? Sulla formazione ho ancora dei dubbi, ma voglio pensarci bene fino a domani. A livello di modulo possiamo giocare indifferentemente con il 4-3 -3, come abbiamo fatto nelle ultime gare, e con i quattro avanti in fase di possesso”.

SALVI C’È – In casa Lecce in infermeria ci sono solo i due difensori Marcus Diniz e Dario D’Ambrosio, mentre torna nella lista dei convocati il centrocampista romano Stefano Salvi: “Quello di aver recuperato i calciatori che prima non erano disponibili è un aspetto importante perché mi consente di avere più scelte in ogni reparto e questo è positivo. Salvi? Stefano torna disponibile e parte con noi. Papini? Romeo sicuramente non è ancora al top, ma ci arriverà pian piano alla forma migliore e anche grazie al fatto che nella scorsa partita con il Catanzaro ha giocato circa 25 minuti’”.

ATTACCO SPIGOLOSO – La formazione di Fabio Brini presenta delle difficoltà come gruppo e questo soprattutto nel reparto avanzato: “Il Benevento è una squadra molto solida che si è calata bene nella categoria e che da tanti anni è costruita per vincere. Sono una squadra fisica e pragmatica con un allenatore esperto e concreto. Noi dovremo fare attenzione nella fase di possesso perché loro si compattano bene e poi sono abili nelle ripartenze. In avanti hanno Eusepi, Marotta, Campagnacci e non solo. Dovremo avere personalità, essere bravi quando abbiamo il pallino del gioco e cercare di fare la partita, nei limiti in cui il nostro avversario ce lo permetterà”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.