Tempo di lettura: 2 minuti
corrado passera
Corrado Passera

Corrado Passera ha presentato ieri a Roma le prime 100 Porte di Italia Unica, aperte dopo l’avvio del cantiere politico avvenuto a metà giugno. Abbiamo scelto di chiamare Porte – ha esordito Passera – i luoghi d’incontro che Italia Unica sta aprendo nel Paese. La metafora è immediata e semplice: dalle Porte si entra nel movimento e nella politica, è attraverso di esse che si trovano energie e idee per rinnovare il rapporto tra cittadino e comunità. Si ristabilisce così la priorità delle scelte, che arrivano dal territorio, non da imposizioni centralistiche”.

Così come il programma, con le centinaia di proposte che ruotano intorno allo shock da 400 miliardi di euro in grado di ridare fiducia al Paese, anche le Porte hanno l’ambizione di essere altrettanto robuste e di innovare la politica partendo dai territori. E per fare questo le Porte di Italia Unica possono già contare sull’entusiasmo di migliaia di aderenti che in meno di quattro mesi e con una partecipazione dal basso reale e non mediata, valorizzano i capisaldi di Italia Unica: merito, competenza e trasparenza.

In Puglia sono già attive, anche grazie all’impegno del responsabile dello sviluppo territoriale Domenico Pannoli, 11 sedi (Bari, Lecce, Martina Franca, San Severo, Pulsano, Molfetta, Nardò, Orta Nova, Trani, Francavilla Fontana) e nei prossimi giorni si apriranno altre 4 Porte (Corato, Corsano, Grottaglie e Taranto) nella provincia di Bari e Lecce e nella città di Taranto. Le sedi sono state attivate dopo le numerose tappe del viaggio in Italia di Corrado Passera, sia in primavera per il confronto sul programma, sia in estate e autunno con la presentazione del libro “Io Siamo”. “E’ la soddisfazione più grande – ha spiegato Passera – aver visto quei volti all’inizio dubbiosi, trasformarsi in nomi e cognomi di referenti delle Porte”.

Hanno una età media di 40 anni, la presenza di una percentuale di giovani del 25% e di donne del 40%, i comitati promotori di Italia Unica.

 “Crediamo fortemente nel radicamento territoriale – ha proseguito Corrado Passera, con a fianco il coordinatore Lelio Alfonso e i responsabili dello sviluppo territoriale, Aniello Aliberti, Giorgio Guerrini e Domenico Pannoliperché la politica oggi, sempre di più, deve guardare in faccia i problemi concreti, promuovere le proposte coinvolgendo i cittadini, la società civile e gli amministratori locali.”

In questa ottica si inserisce anche la lettera che Corrado Passera ha inviato agli oltre 8000 sindaci italiani, veri baluardi della rappresentanza sul territorio e dell’amministrare il bene comune. “Per far ripartire il Paese c’è bisogno di rafforzare il loro ruolo” ha detto Passera, per questo ha proposto di correggere il Patto di Stabilità Interno per permettere alle Amministrazioni Comunali di utilizzare liberamente gli avanzi di gestione e i proventi derivanti da dismissione di proprietà comunali e di prevedere l’incasso diretto delle tasse comunali.

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.