Tempo di lettura: 2 minuti

Aci-IstatLECCE – È stato presentato a Roma il Rapporto ACI-ISTAT sugli “Incidenti Stradali 2013”: in linea con l’andamento nazionale, sinistri, morti e feriti sono in calo anche in provincia di Lecce, con 33 vittime rispetto alle 76 del 2012, 2.939 feriti rispetto ai 3.013 dello scorso anno e 1.771 incidenti contro i 1.856 del rilevamento precedente. “I dati in provincia di Lecce sono confortanti per quanto concerne soprattutto il numero di vittime – ha dichiarato il presidente dell’Automobile Club Lecce, Aurelio Filippi FilippiMa da un’analisi più accurata emerge un fenomeno che, invece, preoccupa, ovvero l’aumento della frequenza degli incidenti mortali causati dalla guida distratta, in costante aumento: negli ultimi tre anni, infatti si è passati da una percentuale dall’11,11 al 34,48 per cento delle cause imputabili al comportamento, dato rispecchiato a livello nazionale. Come organizzazione sia a livello locale che internazionale – ha concluso Filippi Filippi – realizzeremo campagne di comunicazione adeguate per coinvolgere l’utente della strada a dare reale importanza al proprio comportamento alla guida”.

Auto IncidentiContinuando ad osservare i dati pubblicati sul Rapporto, in provincia di Lecce la maggior parte dei decessi (13) si riscontra nei sinistri avvenuti il lunedì, giorno nero della settimana. Luglio è il mese peggiore, con 6 morti, seguito da agosto (5). Nelle ore notturne, tutte le vittime (8 su 8) hanno un’età compresa tra i 18 e i 54 anni. Conformemente al dato nazionale, non si muore prevalentemente sul territorio urbano ma su quello provinciale, regionale o statale fuori dall’abitato (21 morti). Ad essere più pericolosi sono i rettilinei (20 morti). Il confronto sulle strade urbane è di 1.113 incidenti e 1.746 feriti registrati nel 2013 contro i 1.174 incidenti e 1.808 feriti dell’anno precedente. Nel capoluogo, il trend generale è in discesa, con meno incidenti (455 nel 2013 contro 486 nel 2012), una netta diminuzione dei feriti (660 contro 767) e una vittima risparmiata (4 contro 5). Il secondo comune per numero di incidenti è Nardò con 135 sinistri, seguito da Galatina (63) e Gallipoli (56).

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.