Tempo di lettura: 1 minuto
Mazzei Luigi
Luigi Mazzei

LECCE – Ai lavoratori del comparto sanitario che operano nella Asl di Lecce e che correvano il rischio di vedersi in mezzo alla strada  a causa della scadenza del contratto a tempo determinato, scadenza prevista per la giornata di domani, è stata concessa una proroga di soli due mesi.

Luigi Mazzei, consigliere regionale di Forza Italia ha espresso il suo pensiero: “È opportuno, come non mai, fare un’analisi seria e approfondita su una questione che ha dell’incredibile: innanzitutto va detto che quei 300 lavoratori rappresentano la spina dorsale del sistema sanitario salentino, 300 uomini e donne, tra dirigenti medici e farmacisti, infermieri, operatori socio sanitari, collaboratori professionali e tecnici, autisti, che contribuiscono a mandare avanti la baracca con tante difficoltà e supplendo alle carenze di sistema con abnegazione e impegno personale – afferma Mazzei – Ora, tra due mesi, tra soli 60 giorni, a cosa ci troveremo di fronte? È sicuro: saremo chiamati ad assistere all’ennesima battaglia che si dovrà sostenere per veder premiato il diritto al lavoro, che coincide in maniera perfetta con i bisogni della collettività e del territorio stesso di veder rispettato il diritto alla salute dei cittadini. L’auspicio necessario è che si cominci a pensare già da oggi alla scadenza di quella proroga, perché il 31 dicembre arriva in fretta, arriva di corsa e il sistema sanitario salentino non si può trovare impreparato nel sostenere la battaglia di questi operatori della sanità che garantiscono il buon funzionamento del comparto. – Poi conclude – Nel Salento abbiamo assistito a cose stranissime, a cominciare, una per tutte, dalla nomina di dirigenti e primari provenienti da cooperative rosse emiliane mentre i medici della nostra provincia erano costretti a rimanere fermi in seconda fila. Guai se si dovesse assistere all’ennesima inefficienza, all’ennesimo imbarazzo operativo”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.