Tempo di lettura: 2 minuti

Lecce, allenamento a SquinzanoSQUINZANO (di M.Cassone) – Una bellissima giornata primaverile e, volendo parafrasare il comico Checco Zalone, possiamo ben dire che sul Comunale di Squinzano, a tenere compagnia all’allenamento del Lecce, c’era un bel “sole a catinelle” che ha alzato l’asticella del barometro a circa 27 gradi. Quella di oggi è stata una seduta di lavoro basata sugli esercizi col pallone con partitella finale a campo ridotto.
C’è stata una simpatica sorpresa per i calciatori e lo staff salentino: la visita di Raffaele Di Fusco ex preparatore dei portieri.

BUONE NOTIZIE – Miccoli, D’Ambrosio e Diniz sono ormai pronti per essere arruolati, tutti e tre infatti hanno preso parte a tutte le esercitazioni.

DIFFERENZIATO – Abruzzese e Martinez (entrambi per affaticamento muscolare) hanno raggiunto Bogliacino, Vinetot, Papini e Salvi, allenandosi con un programma personalizzato in palestra. Vinetot comunque ha corso anche a bordo campo.

FILIPE GOMES – Franco Lerda ha tenuto a colloquio, in disparte, Filipe Gomes, spiegando all’ex Perugia i movimenti giusti da fare per svolgere al meglio il proprio compito.

GIRO PALLA VELOCE – Inizialmente il tecnico piemontese ha chiesto a Sacilotto, Lopez Lepore, Filipe Gomes, Dodida, Mannini, Doumbia, Diniz, D’Ambrosio, Moscardelli e Carrozza di far girare velocemente la palla.

PROVE DI TRIDENTE – Subito dopo l’allenatore, facendo ruotare tutti gli effettivi, compresi i due Berretti, Cuppone e Parlati, ha provato degli esercizi tecnici lasciando intravedere diverse soluzioni di attacco ma sempre coi tre uomini avanzati. Ad un certo punto, l’idea indecente ma affascinante è stata quella di provare insieme Miccoli a sinistra, Della Rocca centrale e Moscardelli a destra; i tre hanno lasciato intravedere numeri di alta scuola, anche se rivederli in partita sarà molto improbabile, perché se nella fase offensiva potrebbero essere letali, in quella difensiva potrebbero anche rivelarsi carenti. Il Romario del Salento è apparso abbastanza in palla, utile e duttile il brindisino Della Rocca ed ispirato il “Bomber” barbuto che proverà contro la Salernitana a ripetersi per la quarta gara consecutiva.

PARTITELLA A CAMPO RIDOTTO- Lerda ha schierato i giallorossi in due squadre da 8; da una parte: Petrachi; Rullo, Diniz e Parlati; Doumbia, Lepore e Rosafio con Della Rocca; di fronte c’erano: Chironi; Donida, Carini e W.Lopez; Filipe Gomes, D’Ambrosio, Cuppone e Miccoli.

Buone giocate, molte delle quali di prima, e la richiesta da parte di Lerda di far gol sempre, di tentare sempre il tiro. Non hanno preso parte alla partitella Moscardelli, Carrozza, Sacilotto e Mannini che hanno continuato a lavorare a bordo campo incentrando l’impegno sulla corsa.

Al termine i calciatori hanno svolto un lavoro di stretching mentre i presenti hanno potuto assistere a delle “pennellate” di Giacomo Chini che da fuori area ha impegnato i portieri. Molto in forma è apparso il giovane Gianmarco Chironi che volando sulle ali dell’entusiasmo, per la convocazione nell’Under 18 di categoria, ha tolto le ragnatele dal sette.

La squadra si ritroverà domani sempre a Squinzano alle ore 10, questa volta a porte rigorosamente chiuse.

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.