Tempo di lettura: 2 minuti

Lecce2019 3LECCE – Sono buone le sensazioni ricevute dopo la visita della Commissione internazionale che si è tenuta ieri a Lecce per la valutazione delle potenzialità a divenire Capitale della Cultura 2019. Tra i tanti momenti vissuti in città, architetti, architetture, progetti strategici di Lecce2019 e una folta folla, hanno accolto presso la Galleria Foresta-Casa Eutopia la giuria internazionale che decreterà la città capitale della cultura europea 2019. La Commissione, ha ammirato la particolare location, sviluppata su tre piani, tra soppalchi in ferro e vetro e le persistenze della cava ipogea, i progetti strategici contenuti nel Bid Book e quelli realizzati nel percorso parallelo con il co-working di iArchitettura-gruppo Foresta, nato come contributo alla candidatura. È stato spiegato questo contributo “anomalo” che per la prima volta ha visto uno spazio privato, “Galleria Foresta”, messo a disposizione della città, diventando “Casa Eutopia”. Un progetto vincente che ha visto coinvolti in soli sette mesi 17 imprese, 10 associazioni, oltre 20 giovani neo laureati e lo staff di Lecce2019.

Un contributo “sostanziale”, che va ben oltre l’economia, una testimonianza spontanea del fare che il sindaco di Lecce, Paolo Perrone ha premiato portando l’esperienza di Galleria Foresta-iArchitettura al confronto tenutosi a Roma al MAXXI, con le altre città candidate al titolo di capitale europea della cultura 2019. Gli architetti ed Airan Berg, art director di Lecce2019hanno presentato alla Commissione europea alcuni dei progetti contenuti nel Bid Book.Lecce2019

Infine, la vicepresidente della Provincia di Lecce, Simona Manca, è fiduciosa dopo aver partecipato ieri, per le strade della città, alla grande festa confezionata ad uso della Commissione internazionale sbarcata a Lecce per decidere a chi andrà il titolo di Città Europea della Cultura 2019: “Noi ci crediamo. Confidiamo in tutto quello che già siamo e in tutto quello che potremo diventare. Lecce ha tutti i requisiti necessari, la giusta motivazione, la progettualità convincente, la vitalità e la creatività che servono per fregiarsi di questo titolo. Grazie ai lavori fatti da tutti, ai contributi dei cittadini e all’impegno delle associazioni siamo già Capitale della Cultura”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.