Tempo di lettura: 4 minuti

TOPFLOPLECCE (di Carmen Tommasi) – Un gran bel gol dell’illusione al terzo minuto del primo tempo di Davide Moscardelli e pochissimo altro. Un Lecce che sembrava aver iniziato con il piglio giusto il match allo stadio “San Filippo”, è stato poi troppo brutto per essere vero nella ripresa, complice anche l’espulsione per un fallo di reazione di Walter Lopez al 43’ del primo tempo. La gara finisce con la meritata vittoria in rimonta dei biancoscudati, con le reti tutte nella ripresa del pimpante Orlando, del 40enne capitan Corona e di Pepe su punizione. Giallorossi incapaci di reagire allo svantaggio, privi di spunti importanti, poco reattivi e spenti in fase di manovra. Il più prezioso dei tre cambi è stato l’ingresso al 13’ della ripresa di Alessandro Carrozza al posto di uno spento Abdou Doumbia, ma nemmeno il volenteroso tornante gallipolino è riuscito a raddrizzare le sorti del match. Sabato si ritorna in campo: c’è Lecce-Casertana al “Via del Mare” dove la comitiva giallorossa ha sempre portato a casa solo vittorie nella stagione in corso (tre vittorie su tre, mentre su quattro gare lontano dal Salento gli uomini di Franco Lerda hanno collezionato due sconfitte e due pareggi). Perde l’imbattibilità, dopo cinque giornate di fila, il portierone bergamasco Nicholas Coglioni.

DIFESA

TopDaniele Mannini anche ieri, in una giornata no della retroguardia giallorossa viene schierato nell’inedito ruolo di terzino destro per la seconda gara di fila, non delude, anzi è il migliore in campo tra i suoi. L’ex Pisa ci mette attenzione, giocate importanti e tanti consigli preziosi per i compagni di reparto: quando non ci arriva con il fiato, ci mette l’esperienza. Sale e scende sulla fascia destra (con risultati meno positivi quando passa a sinistra) e prova anche a mettere a segno la prima marcatura in giallorosso, ma nulla da fare. Prezioso.

FlopWalter Lopez è stato maledettamente ingenuo per un elemento della sua esperienza a farsi espellere con un rosso diretto,  forse eccessivo tirato fuori da Caso di Verona, per un fallo di reazione su Nigro e a lasciare la squadra per tutto il secondo tempo in inferiorità numerica in un momento in cui vinceva di misura. Giornata no per l’uruguaiano, anche perché prima dell’espulsione l’ex Penarol era apparso poco preciso negli appoggi e stanco. Ora salterà l’importante impegno casalingo di sabato pomeriggio contro la Casertana. Rimandato alla prossima: nervoso. “MANNO” SEMPRE IN GAMBA, LOPEZ “AHI AHI AHI”.

CENTROCAMPO

Top – C’è da chiedersi come si fa a lasciare un giocatore come Sandro Carrozza, seppur non ancora al top della forma, in panchina. Dal suo ingresso in campo, l’ex Verona ci mette tanto pepe, è ispirato e volenteroso, l’unico tra i suoi nella ripresa ad essere in gamba e se la intende alla grande sull’out destro con Daniele Mannini. Non cambia le sorti del match, ma ci mette tanto gas e prova in più occasioni ad andare in gol, ma la marcatura degli avversari su di lui è, a tratti, asfissiante. Volenteroso.

Flop – Non è più quel giocatore prezioso e freccia peperina dello scorso campionato: l’ex Parma Abdou Doumbia delude ancora una volta, anche se ci prova in tutti i modi ad essere incisivo per gli equilibri della squadra. Spesso e volentieri corre a vuoto ed è troppo impreciso nell’ultimo tocco, così come nelle precedenti uscite. Poco vivace in fase di spinta, timido e insicuro. Irriconoscibile: così non va. “CARRO” SCARROZZA SULLA DESTRA,“DUDÙ” DOVE SEI?

ATTACCO

Top – Segna il gol del vantaggio, girata di sinistro dai venti metri, e sembra essere in giornata di grazia: Davide Moscardelli è sicuramente uno dei più preziosi tra i giallorossi contro il Messina, anche se ha avuto almeno due altre occasioni per cambiare le sorti della gara. Troppo egoista, però, nella ripresa: canta fuori dal coro e cala vistosamente. Non male: in crescita.

FlopLuigi Della Rocca contro i biancoscudati ha disputato la sua più brutta partita in giallorosso: sbaglia tutto quello che c’è da sbagliare, non riesce ad dare il suo apporto in fase difensiva, non fa salire la squadra e non si rende mai pericoloso. Al Lecce è mancato il miglior ex Cremonese, anche se è stato lui a fare da sponda al gol del compagno di reparto. Mai pericoloso. Spento. MOSCA” ILLUDE, DELLA ROCCA DELUDE.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.