Tempo di lettura: 2 minuti
10001312_542371132526847_1265112216_n
Lepore e Lerda, fotomontaggio di Leccezionale, foto di Michel Caputo

LECCE (di Massimiliano Cassone) – Franco Lerda e Checco Lepore, due nomi che iniziano con le stesse lettere della parola Lecce: una coincidenza che accomuna i due tesserati giallorossi, nel giorno del ritorno sui campi da gioco, dopo le lunghe squalifiche che hanno dovuto scontare; è inutile tornare sui motivi di quelle sanzioni, perché è “trapassato remoto”.

Lerda potrebbe decidere di schierare Lepore, anche se il “cuore leccese” di San Pio non ha i 90 minuti nelle gambe, in una delle sfide più affascinanti del Girone C di Lega Pro. Messina e Lecce si sono affrontate in tutte le categorie, dalla vecchia serie C negli ultimi anni 30, passando per la serie cadetta, fino alla Serie A e ritornando a questa nuova Lega Pro; una sfida affascinante che riporta alla mente gli anni più belli dei due sodalizi calcistici.

Messina e Lecce sono squadre che, ritrovandosi, si guarderanno negli occhi, un momento particolare per i siciliani che sono in crisi di risultati e rischiano di toccare il fondo; i salentini vogliono incominciare a vincere in trasferta per continuare il filotto positivo. Entrambe le formazioni hanno voglia e bisogno di invertire la propria rotta: il Lecce vuol farlo in trasferta, mentre il Messina in campionato.

I padroni di casa sono scivolati in un inizio di stagione choc e giocheranno la gara della vita contro la squadra di Lerda. Il tecnico di Fossano rompe le sbarre della “gabbia” della squalifica e torna a ruggire in panchina, cercando di fare bottino pieno. Gli ingredienti ci sono tutti perché venga servito uno spettacolo degno della parola “calcio”.

Peccato non ci sia Miccoli; il capitano leccese ha dovuto alzare bandiera bianca per un affaticamento muscolare. Ci sarà invece, per il Messina, il 40enne “Re” Giorgio Corona;  il combattente proverà ad incidere ancora.

L’attesa è quasi terminata, oggi il San Filippo sarà teatro di una bellissima partita di calcio e, se fosse un film, oppure un’opera teatrale, potrebbe tranquillamente avere per titolo: “A volte tornano”, sia per Messina e Lecce, sia per Lerda e Lepore, che per Corona; un incrocio di emozioni dal quale solo la squadra più motivata passerà.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.