Tempo di lettura: 3 minuti
Salvatore Ruggieri
On. Salvatore Ruggeri

LECCE – Ieri, a Bari, c’è stato un incontro tra i referenti regionali ed i parlamentari di NCD, UDC, Scelta Civica e Popolari per l’Italia con l’obiettivo di dare vita anche a livello regionale al progetto della Costituente Popolare. Il coordinatore regionale Udc, on. Salvatore Ruggeri, ha fatto il punto della situazione ed affermato:

“Vogliamo passare dalle parole ai fatti. Dimostrare che il nuovo soggetto non è una sommatoria di sigle ma un laboratorio politico aperto che ha a cuore i problemi reali della gente, primo fra tutti quello dell’occupazione che è la vera piaga della nostra epoca. Anche in Puglia – ha continuato Ruggieri – prosegue il nostro impegno per contribuire al progetto della Costituente popolare, cioè alla nascita di un nuovo soggetto politico tra NCD, UDC, Scelta Civica e Popolari per l’Italia, ovvero tra quelle forze dell’area moderata, popolare e riformatrice che sostengono l’attuale Governo e che si riconoscono nei valori del PPE. Il nostro progetto non può essere solo un contenitore vuoto per campagne elettorali; dobbiamo riempirlo di contenuti per rispondere a quelle che sono le aspettative della gente da parte della politica. Non si può parlare di Costituente dei moderati senza avere obiettivi e prospettive come quella di risolvere i problemi legati alla crisi delle imprese e alla crescente disoccupazione soprattutto fra i giovani e le fasce più deboli della popolazione. La Costituente deve porsi questi problemi se vuole essere credibile agli occhi dei cittadini”.

Nell’incontro barese, tenuto presso la sede del NCD, si è parlato anche delle prossime scadenze elettorali regionali demandando ogni decisione a livello nazionale “in modo che ci siano alleanze omogenee in tutta Italia – ha spiegato Ruggeri – lasciando aperta ogni proposta e prospettiva. Si parlerà quindi sia con il Pd che con FI, con Renzi e Berlusconi, prima di prendere qualsiasi decisione”.

Per quanto riguarda le imminenti elezioni provinciali, l’on. Ruggeri ha lanciato la sua proposta: “Le nuove Province sono enti secondo livello e perciò deve essere rappresentato tutto il territorio”, ha spiegato il rappresentate provinciale Udc. “A nostro parere occorre aprire un tavolo e vedere se ci sono le condizioni per una lista unica perché è bene che vengano rappresentate tutte le forze politiche, anche quelle delle liste della società civile particolarmente presenti nei piccoli Comuni. Il nostro auspicio è che i partiti si facciano carico di questa problematica, in modo che siano rappresentate tutte le anime territoriali e si inizi a trasmettere un segnale di democrazia e condivisione per fare al meglio gli interessi del territorio. La riforma Delrio ci obbliga a ragionare in questi termini. Le Province al pari di altri enti di secondo livello nascono per trovare l’amalgama tra la politica, quindi i singoli partiti, e gli amministratori che rappresentano i diversi territori. Le Province sono enti a servizio di queste realtà locali. Se non si comprende questo non si comprende il senso delle riforma e si rimane ancorati a una provincia che non esiste più. Per quanto riguarda il Presidente della Provincia è un’elezione a parte, che cammina parallelamente all’elezione dei singoli consiglieri. Sulla figura più idonea a rappresentare il territorio si deve aprire un confronto politico e far prevalere quella figura carismatica e competente in grado di aggregare le varie forze politiche”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.