Tempo di lettura: 2 minuti

esultanza Lecce e LerdaLECCE (di Massimiliano Cassone) – Terminata la pantomima dei ripescaggi e dei tribunali, il fischietto decreterà col suo suono l’inizio di una nuova stagione calcistica. Ripartono i sogni di ogni tifoso, ritornano le speranze antiche, incomincia il campionato. Facciano pure rumore le trombe e s’intonino i cori, si disegnino striscioni, si dia il via alla danza irregolare dei desideri di chi ama lo sport più bello del mondo. Mentre dai “palazzi” ci ricordano spesso con decisioni assurde e scelte incomprensibili che il vero rettangolo di gioco sono i loro tavoli che sanno di antico, i tifosi veri ed i bambini ci riportano nel regno di quello che è il gioco di tutti. Nessuno dovrebbe dimenticare che il calcio è del popolo.

Sarà una stagione strana, specialmente per la Lega Pro. Le partite si giocheranno in orari particolari, da tutti è stato definito un campionato “spezzatino mediatico”. Ma, nonostante tutte le difficoltà e le anomalie, nessun tifoso potrà fare a meno di soffrire con la speranza di gioire.

Il Lecce è pronto a scendere in campo dopo una campagna acquisti sontuosa condotta dal diesse Antonio Tesoro. Ora tocca a Franco Lerda cominciare da Aprilia la lunga ed insidiosa partita a scacchi che durerà fino a maggio.

L’importante sarà partire col piede giusto, nonostante le assenze importanti e mezza squadra da inventare; l’importante è vincere la prima gara. L’incubo dell’inizio dello scorso anno incombe ancora nelle menti di chi l’ha subito, ma quest’anno sarà diverso, dovrà essere diverso.

Miccoli, Moscardelli e Della Rocca per un attacco atomico, Carrozza, Doumbia e il giovane Rosafio per volare sulle fasce, aspettando Lepore, cuore di Lecce, il ragazzo di San Pio che dovrà essere il valore aggiunto; in difesa, prima giornata a parte, c’è l’imbarazzo della scelta; tutti calciatori di ben altra categoria, all’esperienza di Abruzzese e Carini si aggiunge la freschezza di Brunetti, Diniz e Lopez li conosciamo già, sono una sicurezza sempre e comunque, poi c’è Donida sulla destra, silenzioso, educato, è arrivato in punta di piedi ma ha dimostrato (nelle poche uscite) di essere attento e duttile; in mezzo al campo regna Papini, con Salvi pronto a ringhiare su tutti i palloni. Sicuramente arriverà qualche sorpresa dell’ultima ora, perché il diesse lavora ancora e lo farà fino all’ultimo minuto prima del termine della sessione estiva del calciomercato.

Come ogni anno, ci sarà chi dirà che forse doveva arrivare un altro tipo di attaccante, di difensore, o centrocampista, come ogni anno riempiremo i social, i bar dello sport e le varie trasmissioni sportive di pareri, critiche, dissensi e amore, perché il calcio è questo: una scienza inesatta che colpisce al cuore e costringe la ragione ad assopirsi.

Buon campionato a tutti, nel rispetto di tutti, contro ogni violenza, sia fisica che verbale. Inizino pure ad aleggiare le imprecazioni, quelle che odorano di calcio antico.

Avanti Lecce, il futuro appartiene agli audaci.

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.