Tempo di lettura: 1 minuto

Non si può morire così. L’Algeria ha sospeso tutte le partite di calcio durante il weekend in memoria di Albert Ebosse, il 24enne calciatore camerunense ucciso sabato dal lancio di un oggetto in campo dagli spalti. La Federcalcio algerina sta pensando a sanzioni dure, come l’espulsione del club di Ebosse, il JS Kabylie, da tutte le competizioni. L’oggetto, che ha colpito Ebosse alla testa, è stato lanciato dal settore dei tifosi del Kabylie. La Federcalcio giudica l’azione dei tifosi “irresponsabile. Sono fanatici che perseguono la violenza negli stadi. Per la cronaca, Ebosse è stato colpito alla testa al termine della partita persa 2-1 contro l’USM Alger a Tizi Ouzou. Il gol del Kabylie era stato segnato proprio da Ebosse, che era stato il miglior marcatore nel campionato algerino 2013-2014. La squadra del Kabylie ha immediatamente donato 100mila dollari alla famiglia di Ebosse.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.