Tempo di lettura: 3 minuti

10609258_10203800469999460_1449778719_nLECCE (di Carmen Tommasi e Gabriele De Pandis) – Da Giacomo Beretta a Davide Moscardelli, da Gianmarco Zigoni a Luigi Della Rocca. L’attacco del Lecce, per l’ormai prossimo inizio della nuova Lega Unica, cambia i suoi volti e protagonisti e, tra le tante discussioni e interrogativi d’agosto, i tifosi giallorossi sorridono per un attacco che si pensa essere uno dei più forti del campionato. La legge del campo, già dal 31 agosto contro la Lupa Roma, potrà iniziare a dare i suoi primi responsi. Nel frattempo, proviamo a capire con un semplice interrogativo del “perché sì” e del “perché no”, il reparto avanzato salentino è o non è, quello potenzialmente più forte del Girone C.

Perché sì – L’attacco, a differenza dell’anno scorso, sembra avere delle gerarchie già ben delineate, con la coppia Miccoli-Della Rocca pronta a scardinare le difese avversarie grazie al lavoro dell’ariete brindisino pronto ad aprire gli spazi al capitano, abile e più devastante in zona tiro in caso di posizionamento leggermente più arretrato e “con le spalle coperte” rispetto al passato campionato. La presenza di Della Rocca, prima punta di movimento, bravo sia nel lavoro d’area che con i piedi, è la  vera novità. L’anno scorso il Lecce ha sofferto tantissimo l’assenza di un centravanti di peso capace di far salire la squadra, facendo rifiatare i compagni e creando vie per il gol da lontano, soluzione poco cercata nella scorsa stagione dai ragazzi di mister Lerda. Dietro a questo terribile tandem, poi c’è Davide Moscardelli, punta completa pronta a svariare su tutti i fronti dell’attacco. Il “bomber” ex Bologna può essere illuminante a partita in corso, poiché la sua tecnica aprirebbe altre vie per il gol anche agli esterni a spiccata predisposizione offensiva Carrozza e Doumbia, elementi che con i loro cross aiuterebbero tantissimo anche il gioco aereo dell’ex Carpi, “Gigi”. L’infortunio all’ex Palermo, patito negli ultimi minuti di Lecce-Foligno, non sembra poi molto grave e l’impiego del capitano, ancora uomo-copertina del Lecce, potrà essere contornato da un bottino di reti sicuramente maggiore rispetto alle 14 realizzazioni dell’anno scorso.

Perché no – In un reparto con dei nomi che sulla carta fanno rabbrividire e invidia ai più, serve, però, un alter ego di Gigi Della Rocca, perché Davide Moscardelli non gioca nel ruolo di prima punta da ormai molto tempo e non è questo il ruolo naturale dell’ex bomber del Bologna. E sicuramente, Miccoli nella passata stagione ha sofferto a dismisura nel ricoprire questa posizione essendo solo, isolato e preso costantemente di mira da tutte le ostiche difese avversarie. In più, l’esperimento Mariano Bogliacino come seconda punta, visto nell’ultimo test amichevole con la Berretti di mister Sandro Morello e provato in ritiro a Saint Vincent, è tutto da sviluppare e verificare in campionato contro avversari tosti e di categoria. Non si dispone, quindi, di un giocatore che abbia le caratteristiche, utili agli equilibri della squadra e tanto care al tecnico piemontese, di “Jack” Beretta: ovvero la capacità di creare superiorità numerica partendo dalla sinistra, di fare lavoro sporco per la squadra e di tornare ad aiutare i compagni a centrocampo. Sulla carta, inoltre, manca un bomber che abbia di sicuro nei suoi piedi una media gol importante. Spulciando il curriculum di Moscardelli e Della Rocca (a parte l’eccezionale stagione 2012-’13 del bomber brindisino vissuta tra Portogruaro e Carpi) non si trovano garanzie al riguardo. Spetterà anche a Franco Lerda, e alle sue alchimie offensive, invertire queste statistiche e regalare grappoli di gol al Lecce utili per l’obiettivo Serie B.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.