Tempo di lettura: 3 minuti

lerda agostoSQUINZANO (di M. Cassone) – Subito dopo l’allenamento di questa mattina al Comunale di Squinzano, mister Franco Lerda ha fatto il punto della situazione, anteponendo in modo fiero ed orgoglioso il gruppo e l’idea di gioco agli uomini. La squadra giallorossa, nel primo pomeriggio, partirà per La Spezia dove sabato sera giocherà la gara valevole per il secondo turno eliminatorio di Tim Cup.

MICCOLI – “Fabrizio (Miccoli, ndr) si è infortunato domenica; stiamo facendo ancora degli esami strumentali per capire l’entità del danno. Però, anche senza di lui, sarà il solito Lecce. Noi abbiamo la nostra idea di gioco che non cambia a secondo degli interpreti in campo. Il Lecce non è stato costruito intorno a Miccoli, nonostante lui sia molto importante per noi; gli interpreti sono fondamentali ma sempre nel contesto di un gruppo. Chi andrà in campo interpreterà il proprio ruolo secondo le proprie caratteristiche”.

IL GRUPPO – “Quello che più conta è la squadra. Il Lecce ha un gruppo forte, coeso e compatto, formato da uomini seri. L’ho sempre detto, fin dal primo giorno che sono arrivato, per raggiungere risultati importanti, il gruppo deve fare la differenza”.

LO SPEZIA – “La partita di sabato sarà per noi un test molto importante. Lo Spezia è una squadra forte che negli ultimi anni, come società, ha raggiunto uno spessore di primo livello; non a caso ha giocato i play-off per andare in Serie A. Il terreno di gioco è un semi-sintetico di ultima generazione, prima era un sintetico, ora è stato cambiato, ma poco importa. Vogliamo giocare una buona partita e fare bella figura; senza nessuna presunzione o boria, dico che giocheremo per passare il turno, poi si vedrà”.

LA FORMAZIONE – “Non ho ancora deciso chi scenderà in campo, ho qualche dubbio, anche se dico già da ora che cercherò di dare spazio a chi ha meno minuti nelle gambe, quindi potrebbero giocare Carrozza e Moscardelli, però ancora nulla è certo. Tra 15 giorni incomincia il campionato e voglio portare tutti gli effettivi allo stesso minutaggio. Sacilotto giocherà ancora centrale. L’anno scorso non l’abbiamo avuto se non in allenamento. Quest’anno, vedendo le sue caratteristiche ed i problemi delle squalifiche che avremo nelle prime giornate, gli ho proposto di giocare in questo ruolo. Sabato lo vedremo all’opera contro una squadra importante. Nel nostro gruppo abbiamo persone che hanno ancora bisogno di lavorare per trovare la giusta forma, tra cui Diniz e Vinetot che non ha fatto nemmeno il ritiro”.

TIFOSI – “Avere quasi 4000 paganti il 10 agosto, nella notte di San Lorenzo, a ridosso del Ferragosto, è qualcosa di eccezionale, è un segnale forte e significativo. Bisogna dire, però, che avevamo già avuto questo sentore nel primo allenamento dopo il ritiro, quando a Squinzano ci accolsero in circa 500. Questo per noi è davvero molto importante, siamo fieri dei nostri tifosi, è un segnale forte che ci regala più carica e ci responsabilizza”.

IPOTESI SERIE B – “Voglio essere sincero, non abbiamo proprio parlato di questa ipotesi. Al momento è poco concreta e vogliamo concentrarci soltanto sulla partita di Coppa. Ancora non conosciamo i criteri che saranno adottati per effettuare la scelta finale su chi sostituirà il Siena”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.