Tempo di lettura: 2 minuti
negro-udc1-180x150
Salvatore Negro

LECCE – il presidente del Gruppo regionale Udc, Salvatore Negro, durante la conferenza stampa di ieri mattina a Lecce, nella sede della Regione Puglia di Viale Aldo Moro, unitamente ad altri colleghi consiglieri salentini di maggioranza e opposizione ha proposto di convocare un consiglio monotematico sul problema della malattia degli ulivi che sta flagellando il Salento.

“L’azione del Governo regionale nel contrastare il batterio della Xylella fastidiosa è stata, fino ad oggi, insufficiente ed a tratti superficiale. Bisogna correre ai ripari e mettere in campo una unità di crisi o un commissario speciale che possa sovrintendere a questo delicatissimo problema. La Xylella fastidiosa ha già colpito 37mila ettari di uliveto”, ha sottolineato il capogruppo Udc. “Una vera e propria strage che sta provocando danni incalcolabili per la nostra economia e sta cambiando irrimediabilmente il paesaggio rurale salentino, da millenni caratterizzato dalla presenza di alberi d’ulivo e muretti a secco. Fino ad ora, probabilmente, il Governo regionale ha sottovalutato il problema e non ha messo in campo alcuna strategia per bloccare o almeno limitare l’espansione di questo batterio.   Non si può accettare a cuor leggero la soluzione dell’Unione Europea di sradicare tutti gli alberi infetti che si tradurrebbe in un mutamento del paesaggio e dei tratti identitari del Salento, con perdita di competitività sul mercato del turismo nazionale ed europeo. Per questo ci uniamo alla richiesta dei colleghi consiglieri regionali salentini affinché venga convocato con urgenza un consiglio monotematico sull’argomento per addivenire ad una soluzione concreta come quella di mettere in campo una unità di crisi o, meglio ancora, un commissario speciale tecnicamente competente che possa indirizzare i proprietari terrieri e gli agricoltori verso le soluzioni più adeguate per debellare o limitare l’espansione del batterio della Xylella fastidiosa”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.