Tempo di lettura: 3 minuti

pisseriLECCE (di Carmen Tommasi e Gabriele De Pandis) – Il talentuoso Matteo Pisseri per la porta, il volenteroso Giuseppe Pirrone per la mediana e l’esperto Aniello Cutolo per l’attacco: sono questi i tre nomi proposti, questa volta, nella nostra ormai consueta rubrica settimanale “Carrello per gli acquisti: un consiglio per reparto”. Tre giocatori con un curriculum importante e che per motivi diversi potrebbero risultare utili alla causa Lecce e su cui, magari, il diesse Antonio Tesoro, a Milano in questi giorni per chiudere importanti trattative di calciomercato, potrebbe farci un “pensierino”.

DIFESA –  Matteo Pisseri è cresciuto a suon di parate importanti sognando di diventare come Gianluigi Buffon, il portierone azzurro idolo del baby talento, classe ’91, cresciuto anche lui nella giovanili del Parma. Il club ducale è proprietario del cartellino del giocatore ritornato in gialloblu dal prestito al Gubbio. Nato proprio a Parma, 1.88 di altezza per 78 chili e tanta voglia di arrivare in serie A: l’estremo difensore lo scorso anno negli eugubini è stato autore di una stagione importante con 29 presenze collezionate e tanti interventi degni di nota. Agile tra i pali e sicuro nelle uscite potrebbe essere una garanzia come dodicesimo per il Lecce di Franco Lerda. Volenteroso, grintoso e sicuro dei propri mezzi. Ruolo: portiere. Piede: destro. Valore di mercato: 350 mila €

CENTROCAMPO – Una stagione da protagonista in serie B non è bastata per guadagnarsi la conferma in cadetteria con la maglia del Trapani. Giuseppe Pirrone, siciliano di Alcamo, è stato la colonna portante del centrocampo dei granata che prima hanno sfiorato la B nella stagione 2011-12 per poi raggiungerla nel 2012-13, nella prima stagione di Lega Pro del Lecce targato Tesoro. Il cambio di politica del Trapani ha portato allo svincolo del 28enne, artefice della scalata trapanese insieme agli altri neo svincolati Caccetta, Nordi, Dolenti, Gambino, Priola, Pacilli e Ferri. Pirrone, 36 presenze, 3 gol e 2 assist nella stagione appena finita, a 28 anni è un centrocampista di quantità dedito agli inserimenti centrali in grado di tagliare le difese avversarie. Quest’anno è stato impiegato da mister Boscaglia in un 4-4-2 con al fianco Ciaramitaro o Caccetta, anch’essi centrocampisti completi. Sostanza e colpi decisivi per un centrocampo da affinare. Ruolo: centrocampista centrale. Piede: destro. Valore di mercato: 400mila €.

ATTACCO – L’arrivo di Marco Baroni sulla panchina del Pescara ha indotto la società abruzzese a mettere sul mercato Aniello Cutolo, incompatibile con il 4-3-3 pronto a trasformarsi in 3-5-2 del tecnico ex difensore del Lecce. Il 31enne campano è il classico attaccante esterno impiegabile senza differenze sia sulla sua naturale posizione di ala sinistra, sia a destra per sfruttare il suo tiro da fuori, pericoloso da ogni distanza. La scorsa stagione, la prima con i biancazzurri abruzzesi, è stata un mezzo passaggio a vuoto dopo i continui bei passaggi a Crotone, Perugia, Padova e Taranto dopo l’esperienza così così con l’Hellas Verona nella stagione 2007-08. Il brevilineo esterno napoletano, dotato anche di un ubriacante dribbling nello stretto, diventerebbe una carta importante per le fasce dello scacchiere di mister Lerda. Ruolo: ala sinistra. Piede: sinistro. Valore di mercato: 700mila €.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.