Tempo di lettura: 2 minuti

MiccoliLECCE (di Carmen Tommasi) – Appare ormai sistemata la questione Fabrizio Miccoli, con l’ex attaccante del Palermo che sarà ancora il capitano del Lecce per la prossima stagione, dal momento che manca solo la firma e l’ufficialità della notizia. Ad ogni modo, al momento, le priorità del diesse Antonio Tesoro sono quelle di consegnare al tecnico Franco Lerda già per il ritiro precampionato del prossimo 19 luglio a Saint Vincent in Valle D’Aosta, una base solida su cui iniziare a lavorare in vista dell’esordio in Coppa Italia di Lega Pro di agosto e, soprattutto, per il nuovo campionato in Lega Unica.

Per l’attacco si è vicinissimi all’accordo con il bomber 31enne Felice Evacuo in scadenza di contratto col Benevento, che sarebbe ben felice di sbarcare del Salento (mancherebbero solo gli ultimi dettagli e la firma per avere l’attaccante di Pompei in maglia giallorossa) e si fa anche il nome del brindisino Luigi Della Rocca, classe ’84, della Cremonese.

Tesoro junior era ieri a Parma per trattenere nel Salento la “freccia nera” Abdou Doumbia che piace tanto all’allenatore di Fossano, con lo stesso giocatore franco-maliano che gradirebbe continuare la sua esperienza nel Lecce. Per riavere “Dudu” bisognerà, però, battere la concorrenza agguerrita della Salernitana. Si punta inoltre a rinnovare il contratto del terzino sinistro Walter Lopez, uno dei migliori della passata stagione, ma l’uruguaiano dopo un campionato da protagonista gode di estimatori e pretendenti anche in serie cadetta.

Le voci di calciomercato più gettonate in questi giorni avvicinano al club di piazza Mazzini il baby centrocampista del Cosenza, Meduri ed il difensore uruguaiano, classe ’90, del Wanderers Montevideo, Emiliano Diaz. Per la porta, dopo aver ottenuto il cartellino per intero dal Milan di Filippo Perucchini, si punta a rinnovare prima possibile il contratto all’ex numero uno del Crotone, Nicholas Caglioni.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.