Tempo di lettura: 1 minuto

Concerto_Palmieri_31 maggioLECCE (di Pierpaolo Sergio) – Si è svolto lo scorso sabato sera, presso il Teatro Antoniano di Lecce, l’evento che segna la chiusura dell’anno scolastico 2013/2014 del Liceo Classico “Giuseppe Palmieri. Si tratta del concerto finale, aperto al pubblico e gratuito, grazie al quale è stato possibile percorrere tutti i generi musicali: dalle sonorità classiche, a quelle più contemporanee delle colonne sonore del grande cinema. La manifestazione godeva del patrocinio e del sostegno dell’Ufficio Scolastico Territoriale, del Conservatorio di Musica “Tito Schipa”, Provincia e Comune di Lecce e Lecce2019.

Tutor del coro dell’istituto scolastico leccese è stato il professor Fabio Celentano. Il progetto è iniziato a novembre, per aver il tempo di organizzare il concerto d’esordio del coro, che si è svolto poi a Natale. Durante la prima fase del corso, gli alunni partecipanti sono stati quarantadue; nella seconda parte, sono stati invece trenta. L’età dei ragazzi varia dai 14 ai 19 anni, ossia quelli iscritti dal IV ginnasio fino alla III liceale. In 50 ore totali di lezioni, gli alunni hanno fatto conoscenza col gospel. I coristi hanno poi realizzato un medley delle più famose canzoni del gruppo rock dei Queen.

All’uditorio del quale facevano parte, tra gli altri, il coordinatore dell’Ufficio Scolastico Territoriale di Lecce, Luigi Frigoli, il sindaco di Lecce, Paolo Perrone, l’assessore Luigi Coclite ed il vicepresidente della Provincia di Lecce, Loredana Capone è stato offerto un lavoro di collaborazione tra le diverse espressioni artistiche dei ragazzi del liceo leccese: canto e musica. Il coordinamento generale è stato di Luigi Bubbico, mentre i collaboratori sono stati Tyna Casalini (preparatrice vocale), Carolina Bubbico e Luigi Botrugno (musicista).

Dell’evento abbiamo parlato con la preside del Liceo-Ginnasio “G. Palmieri“, la professoressa Loredana Di Cuonzo:

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.