Tempo di lettura: 1 minuto
1826543-fabio_brini
Fabio Brini, foto fonte web

Fabio Brini, allenatore del Benevento, ha parlato della delicatissima semifinale di domenica 25 maggio nella consueta conferenza prima della gara:

“La squadra sta bene; è normale che più si avvicina il fischio d’inizio del match e più sale la tensione. Questo, però, non deve rivelarsi un aspetto controproducente. È una gara da dentro o fuori, l’affronteremo con rispetto ed umiltà. L’unica paura che ho è per l’accumulo di tensione, spero non giochi brutti scherzi, dobbiamo evitare di scendere in campo con troppa convinzione, altrimenti rischiamo di fare errori grossolani. Per il resto sono tranquillo.  Nel primo tempo della gara di andata non siamo riusciti a esprimerci al meglio. Il Lecce ci ha messo in difficoltà costringendoci a non fare quello che volevamo. Abbiamo capito che non potevamo aspettare, e abbiamo cercato di bloccare i loro calciatori più determinanti”.

Poi parla dei tifosi sanniti che accorreranno in massa al Via del Mare: “Sapere che saranno in tanti ci dà molta carica, ma bisognerà essere intelligenti. Farà molto caldo e non si potrà partire a mille all’ora. Inutile dire che essere seguiti dai propri tifosi lontano dalle mura amiche dà uno stimolo ulteriore”.

Il pensiero finale lo rivolge al Lecce: “Sicuramente cambieranno qualche calciatore, ma l’impostazione sarà quella che abbiamo visto nel match dell’andata”.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.