Tempo di lettura: 2 minuti

Lerda,leccezionale.itLECCE (di Carmen Tommasi) – Dentro o fuori, senza altre possibilità e senza via d’uscita: Lecce-Pontedera è una di quelle partite all’ultimo respiro in cui non si può, e non si deve, sbagliare nulla, perché l’unica possibilità per continuare a viaggiare verso la tanto desiderata serie B è la vittoria. Un match verso il quale la comitiva giallorossa si sta avvicinando con tanta carica emotiva, intenso lavoro sul campo, voglia di fare bene, entusiasmo trascinante, ma anche un po’ di sana apprensione, tensione. Quella che è obbligatoria e naturale per un incontro in cui, in 90 minuti, ci si gioca un’intera stagione.

Apprensione anche per le condizioni di capitan Miccoli che potrebbe saltare il big match ad eliminazione diretta, con supplementari e rigori in caso di parità, in programma domenica alle 16:00 al “Via del Mare”, in uno stadio che si prepara al pubblico delle grandi occasioni con la prevendita che prosegue a ritmi intensi. Proprio quelli che il tecnico Franco Lerda sta chiedendo ai suoi nel lavoro quotidiano settimanale e che, sicuramente, chiederà anche domenica contro la sorpresa del girone B, la squadra di Paolo Indiani.

Miccoli mostra stemma LecceFORFAIT MICCOLI? – Da ieri, infatti, Fabrizio Miccoli si è fermato a causa di uno stato febbrile e anche oggi l’ex Palermo, tredici gol in campionato, è rimasto a riposo. L’assenza del bomber di San Donato, autore di una tripletta nella gara  del “Via del Mare” proprio contro la squadra toscana lo scorso 13 marzo, sembra ormai vicina, tranne se nella giornata di domani, nella rifinitura, il capitano giallorosso riuscirà ad allenarsi in extremis con i compagni di squadra. Per il resto, l’infermeria sorride: escluso l’infortunato Dario D’Ambrosio, che dopo l’operazione si cura lontano da Lecce, l’allenatore di Fossano potrà contare su tutta la rosa, eccezion fatta dello squalificato Romeo Papini.

POSSIBILE 4-4-2 – Il tecnico giallorosso per la gara secca contro la matricola terribile Pontedera dovrebbe optare per un ritorno al 4-4-2, con Bellazzini (o Ferreira Pinto) sulla destra e Doumbia che ritorna sulla corsia opposta in cui l’ex Parma si trova a “pennello” anche con Walter Lopez. In avanti l’ex Toro, se non avrà a disposizione Miccoli, potrebbe proporre il tandem d’attacco Beretta-Zigoni (ma potrebbe anche optare per la soluzione Mariano Bogliacino: l’ex Napoli dietro ad una sola punta, e più vicino alla porta, sembra più a suo agio). A centrocampo lo squalificato ex Carpi Romeo Papini sarà sostituito dal grintoso Stefano Salvi in coppia con Amodio. Con Caglioni in porta, la difesa a quattro sarà composta da Diniz, Martinez (con il francese Vinetot pronto a partire dal 1’ se “El Tuma” non dovesse essere al top), Abruzzese e a sinistra ci sarà l’atteso ritorno di Walter Lopez che, in tempi record, ha recuperato dal brutto infortunio (elongazione del legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro) in cui l’uruguaiano era incappato in Lecce-Frosinone.

 

 

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.