Tempo di lettura: 3 minuti

Lerda, leccezionale.itLECCE  (di Carmen Tommasi) – Quella con il Grosseto sarà la prima delle tre battaglie da vincere a tutti i costi per continuare a sperare e, perché no, a sognare quel fatidico primo posto. Lo sa benissimo il tecnico Franco Lerda che, alla vigilia della sfida dello “Zecchini”, ricorda l’importanza del match, il valore degli avversari e cosa significherebbe una vittoria per il suo Lecce: “Quella contro i toscani sarà una partita davvero molto molto importante, perché come ho detto ad inizio settimana, può avere dei risvolti impensabili fino a qualche tempo fa. La gara di Grosseto -spiega il tecnico piemontese- dà un senso alle altre che mancheranno, fermo restando che comunque andremo sempre a tremila. In questo momento, però, voglio concentrarmi su questa qui e poi vedremo quello che succede. Considero questa partita di un’importanza straordinaria, contro una squadra in salute, che sta bene e che dispone di valori assoluti”.

GIRONE DURO – Pensare solo a vincere con il massimo impegno e concentrazione senza guardare a quello che fanno le altre: “Questo è un campionato molto combattuto ed equilibrato dove nessuno ti regala nulla. Per questo l’unica cosa che dobbiamo fare domani è vincere e riuscendoci potremmo capire se dare continuità ai nostri sogni e speranze. Non guardiamo alle altre, quello che deve interessare è preparare bene questa gara che è insidiosa. Il Grosseto sta bene e io all’andata dissi che se Camilli prendeva un elemento di qualità, avrebbero fatto la differenza e invece ne ha presi due, Ferretti e Marotta, molto importanti per la categoria. Pensiamo a noi, massima concentrazione anche se è vero che il nostro destino non dipende solo da noi, ma se non vinciamo domani… ”

“ZIGO” O BERETTA? – L’ex Toro sembra ancora non aver scelto chi tra Zigoni e Beretta partirà titolare dal primo minuto: Zigoni sta bene, non ho ancora deciso chi giocherà tra lui e Beretta. Caglioni o Perucchini? Gioca Caglioni. Sales? Non fa parte dei convocati e ritornerà a lavorare a regime martedì, ci sarà per il Frosinone. Sacilotto non è convocato perché ha accusato un problema proprio al quadricipite sul finire della rifinitura, è stato molto sfortunato. Amodio? E’ ok”.

ORGOGLIOSO DEI SUOI – Ormai il tecnico giallorosso non si nasconde più e ammette di crederci e di sperare di raggiungere quota 64: “Una squadra può sbagliare una volta, ma poi se sbagli la seconda sbagli sempre. Questo non significa non perdere più, ma non sbagliare nell’atteggiamento e sono certo che i miei ragazzi questo non lo faranno più, perchè hanno dimostrato più di una volta di essere sul pezzo. Se vinciamo domani le nostre percentuali di arrivare a 64 punti aumentano e se arrivi a quella cifra lì hai delle buone possibilità di arrivare primo. E se non arriviamo primi, meglio secondi che terzi perché io la prima di un eventuale playoff la voglio giocare in casa. Ora non pensiamo a nulla, ma solo a Grosseto e scusate se mi ripeto, ma è così. Il primo posto? Martedì è la prima volta che in conferenza mi sono lasciato andare in calcoli e questo vuol dire che io ci credo, ma bisogna stare sempre sul pezzo e non perdere mai di vista la gara dopo”.

 

 

 

 

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.