Tempo di lettura: 1 minuto

negramaro-posterLECCE (di Massimiliano Cassone) – Intorno alle 19:00 di ieri sera abbiamo ricevuto la segnalazione che il “Via del Mare” era illuminato a festa come per i grandi appuntamenti. Non eravamo al corrente di nulla e la chiamata ha stuzzicato non poco la nostra curiosità. Sul posto si è recato il fotografo de Leccezionale Salento, Michel Caputo che non ha potuto effettuare scatti perché lo stadio, oltre ad essere illuminato, era anche blindatissimo. Però, con tanto stupore, ha appurato che all’interno qualcuno vi cantava. Quel “qualcuno” ha una voce inconfondibile. Una voce che ha rischiarato tutto il perimetro dello stadio: parliamo di Giuliano Sangiorgi.

Cosa ci facevano i Negramaro in uno stadio “Via del Mare” blindatissimo? La domanda che ci poniamo è: magari avranno girato un video? Da quel che si udiva da fuori lo stadio, di cui vi forniamo una brevissima clip dalla qualità non eccelsa, Giuliano Sangiorgi cantava Un amore così grandela famosissima canzone portata al successo soprattutto da Claudio Villa, da cui prende il nome il loro prossimo Tour: Un amore così grande tour 2014 che vedrà i fuoriclasse della musica salentina fare tappa (l’ultima) il 26 luglio proprio al “Via del Mare”.

Quindi, i Negramaro, dopo aver reso omaggio a Domenico Modugno con la cover Meraviglioso, adesso omaggiano il re della canzone italiana per antonomasia.

L’ipotetico video servirà come presentazione al tour? Oppure è qualcosa di ancor più importante? Staremo a vedere nel corso delle prossime settimane. Cercheremo di saperne di più, cercheremo di restare “sul pezzo”, perché è un vero piacere sapere che una band importante nel panorama musicale internazionale resti sempre e comunque ancorata alle proprie radici e scelga lo stadio di Lecce per un evento importantissimo di cui ancora non sappiamo nulla di certo.

Commenti

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.