Tempo di lettura: 3 minuti

Fabio Siciliani oro ai mondiali in Thailandia“Ho vinto tutto”: tre parole per descrivere una gioia grandissima. Fabio Siciliani, 32 anni, leccese, trascina la nazionale italiana sul tetto del mondo. Grazie alla sua grande performance (quattro vittorie in altrettanti incontri disputati) il pluricampione internazionale conquista la medaglia d’oro nell’Undicesimo World Championship che si è disputato in Thailandia.

L’ultimo avversario che ha tentato inutilmente di contrapporsi all’atleta leccese è stata la star portoghese Fabio Texeira, ma anche per lui non c’è stato scampo: vittoria nettissima ai punti (“alla fine non riusciva nemmeno a scendere dal ring”) legittimata da una serie “infernale” di colpi, in particolare di ginocchiate e gomitate. Eppure l’avversario era un osso duro e peraltro con caratteristiche non congeniali al leccese: mancino e più alto di lui. La grande determinazione, unita alle indiscusse qualità tecniche, sono state – come al solito – le armi vincenti di Fabio Siciliani che in in tre altre occasioni aveva sfiorato l’oro con la nazionale, dovendosi accontentare di due argenti e di un bronzo. Questa volta è andata diversamente.

Già dai primi match si è capito che Siciliani aveva preparato con cura questo mondiale nella patria del Muay Thai: il primo a lasciarci le penne era stato il coriaceo bulgaro Atanan Bojinov, quindi è stata la volta di Wong Holan Hon Glina, il fighter di Hong Kong, che nulla ha potuto fare contro la veemenza e la superiorità tecnica di Siciliani che lo ha messo al tappeto dopo appena trenta secondi. In semifinale l’atleta leccese ha regolato un osso duro, vincendo ai punti contro il brasiliano Bernardo Braga.

Siciliani è riuscito a superare, dunque, un ulteriore banco di prova in una carriera costellata di successi. La sua voglia di vincere, il suo carattere mai domo e le sue grandi qualità tecniche sono state le armi che gli hanno consentito di arrivare in cima al mondo. Un percorso ricco di grandissime soddisfazioni che lo scorso settembre gli ha “regalato” il titolo mondiale ISKA di Muay Thai Full Rules. Un campione anche nella vita grazie alla sua grande dose di umiltà e alla sua proverbiale disponibilità. Ma ora il pluricampione internazionale guarda già al prossimo match quando sul prestigioso palcoscenico di Oktagon, Siciliani si troverà di fronte un avversario molto difficile che tenterà in tutti i modi di portargli via il proscenio della serata; sul ring si ritroverà, infatti, Prakaysaeng Gaiyanghadao, 29enne fighter thailandese con una grande palmarès alle spalle, avendo combattuto con i più forti atleti di Muay Thai thailandesi e che può vantare anche una vittoria di prestigio contro Khem Sitsongpeenong, ottenuta nell’agosto del 2010 al Lumpinee Stadium di Bangkok.

PerroneIntanto, il sindaco di Lecce Paolo Perrone plaude al mondiale conquistato da Fabio Siciliani: “L’ennesimo successo conquistato da Fabio Siciliani si aggiunge ad una lunga serie di vittorie che hanno caratterizzato la carriera dell’atleta leccese. Grazie alle sue imprese Fabio è riuscito a portare il nome di Lecce in giro per il mondo, dalla Thailandia, alla Francia, dal Marocco all’Inghilterra, dalla Francia ad Hong Kong, sventolando con orgoglio il vessillo della nostra città. Un’escalation incredibile frutto di uno straordinario talento che, unito alle sue indubbie qualità umane, ne fa un campione a tutto tondo. Auguro a Fabio di continuare a coltivare i suoi sogni per tagliare altri prestigiosi traguardi“.

Alfarano, leccezionale.itIl consigliere comunale Massimo Alfarano si unisce al coro di unanimi congratulazioni all’atleta: “Sono estremamente felice per la conquista del titolo mondiale di Fabio; altra tappa di un percorso professionale costellato di successi. Le sue vittorie rappresentano un bel biglietto da visita per promuovere il territorio salentino nel mondo. Fabio ha dimostrato di essere un professionista esemplare, dotato di tecnica sopraffina e qualità indiscutibili grazie alla sua grande determinazione, immenso coraggio e immancabile tenacia che mette sul ring. Ha fatto sempre leva su umiltà e disponibilità, andando a caccia di nuovi traguardi. Un campione nella vita, un esempio per tanti giovani talenti leccesi in cerca di consacrazione“.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.