Tempo di lettura: 2 minuti

1794543_1467525193475257_1649402352_nLECCE (di Massimiliano Cassone) – Appunti gettati su un foglio bianco con una “stilo” nera. Macchie d’inchiostro a coprire l’emozione d’una sera. Le telecamere “sparate” addosso e quell’ansia sottile e leggera come l’anima, che anticipa di un nanosecondo la messa in onda.

Poi si parte incuranti di quante persone ci siano dall’altra parte ad ascoltarti, e vederti, a sorridere o criticarti: questa è l’incognita che è meglio non sapere subito ma che si rivela da sola come una carezza oppure uno schiaffo ai pensieri del momento. Si è parlato delle vicende del Lecce, delle iniziative che si svolgono nel carcere e dell’attore Salvatore Striano, si è parlato di sport come pure di problemi sociali, si è parlato di rugby con la vittoria della Svicat. Si è sorriso, riso e abbondato nei regali concessi da uno degli sponsor ai telespettatori che hanno telefonato in diretta nella serata in cui cominciava il Festival di Sanremo e si giocava pure in Champions League.

Voci, volti, situazioni, i colleghi, gli amici… E’ tutta qui l’alchimia che ti porta a metterti in gioco senza paura, perché questo non è solo un lavoro, è un qualcosa che ti toglie tanto e ti dona poco, ma quel poco si chiama passione.

E poi, intorno ad un tavolo, si “balla” con la musica degli odori. Profumo di cucina, di pizze appena sfornate e di birre fresche, ci si raccontano sogni, speranze e nascono progetti; proprio come ieri sera, quando Leccezionale decide al completo di continuare a crescere e tuffarsi in nuove avventure, e scopri proprio lì, di fronte ad un piatto caldo, che (anche metaforicamente) l’appetito vien mangiando.

Avanti ora con i nuovi progetti e le nuove idee, il bimbo (Leccezionale) ha soltanto 6 mesi e vuole crescere, vuole diventare grande e non ha paura dei sacrifici, non ha paura del giudizio altrui, è lì in piazza a raccontarsi e raccontare così, con la voglia d’amare e con la passione di chi ci crede, perché sogno non è se non si prova a realizzarlo fino alla fine.

Grazie… Ieri sera eravate davvero in tantissimi, potremmo scrivere che in streaming foste in migliaia ma non vogliamo snocciolare freddi numeri, lo faremo magari a fine anno, per ringraziarvi ad uno ad uno… Per ora, semplicemente grazie. Lavoreremo per voi e, ci sia concesso, per noi stessi. Nei prossimi mesi la crisalide si schiuderà.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.