Tempo di lettura: 2 minuti
1512685_10201798707868473_1904529206_n
Questa la foto dei due ragazzi postata su FB da Risolo (a destra nella foto superiore, a sinistra in quella inferiore)

LECCE (di M. Cassone) – Questo breve Editoriale nasce da un’emozione che ho provato nel “vedere” e leggere un post su una foto bellissima creata, da un ragazzo, con il cuore nei pensieri. Nel giorno dell’inizio del girone di ritorno per l’u.s. Lecce, mentre tutti noi che seguiamo, per raccontare, le sorti della squadra salentina siamo presi e impegnati pensando e immaginando a cosa accadrà questa sera, Andrea Risolo (classe ’96) gioiellino della Berretti di Mister Pasculli, dedica il suo migliore augurio all’amico di sempre, al bimbo, oggi ragazzo, con cui ha calciato per la prima volta quel pallone che rappresentava e rappresenta un sogno, a Leandro Versienti.

Dopo essersi messo in mostra positivamente sia nella Berretti che nelle amichevoli con Copertino e Galatina, Mister Lerda ha deciso di premiare il ragazzo di Novoli (Versienti) con la convocazione in prima squadra.

Complici le tante defezioni a centrocampo il mister di Fossano si è dimostrato ancora una volta un uomo che ama premiare il lavoro e non ha paura di chiamare i baby.

Probabilmente questa sera Versienti finirà in tribuna (io spero che giochi e segni) ma ieri ha ricevuto una notizia meravigliosa che non si aspettava: “Fai parte dei convocati per Lecce – Salernitana”… Ed è già tanto (per ora) per chi rischiava di perdersi nei meandri bui del calcio giovanile e che quest’anno grazie all’intuizione del Direttore Matteo Lauriola, cambia ruolo, arretra e si mette a disposizione totale di mister Pasculli. Già dalle prime giornate dimostra di saper ringhiare sulle caviglie di tutti gli avversari, anche quelli più grandi di lui.

E dopo la meritata convocazione, “l’in bocca al lupo” più bello è del suo amico di sempre che fa un collage di due foto, una di quando erano dei “pulcini” e una di qualche settimana fa, ora che sono dei “Berretti” e scrive: “Certi sogni si inseguono già da piccoli con persone che non si scorderanno mai”.

I sogni sono quello che servono a tutti, grandi e piccini, sono la leva per superare i problemi di tutti i giorni, perché un sognatore non perde mai.

Il mio augurio e quello di tutta la Redazione di Leccezionale.it è che Risolo, Versienti e tutti gli altri ragazzi, abbiano sempre il loro Pegaso pronto a farli volare nell’Olimpo di ciò che desiderano.

Vivere è sognare, sognare è vivere cercando di essere meno tristi. Facciamo in modo che la vita sia sempre per tutti un sogno… In modo particolare per i nostri ragazzi. Avanti Leandro, avanti Andrea …

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.