Tempo di lettura: 2 minuti

(di Carmen Tommasi) – Che campionato sia. Ci siamo: il tanto atteso calcio giocato, quello che fa vibrare di emozioni gli appassionati tifosi, ora darà il via domenica 1 settembre anche in Lega Pro, di Prima e Seconda Divisione, con la serie A e la serie B già iniziate nello scorso weekend. Adesso tocca anche al Lecce dire la sua, quello dei due salentini Moriero e Miccoli, allenatore e capitano di una squadra del tutto rinnovata e con solo pochissimi elementi reduci dalla ancor deludente, passata stagione.

L’obiettivo dichiarato, questa volta a toni bassi, è la serie cadetta, la tanto desiderata promozione nel calcio che conta. Non sarà facile, questo è chiaro, e l’imperativo di quest’anno è non dare nulla per scontato, perché se ci si chiama Lecce, in Lega Pro, si è la squadra da battere, ma le gare, senza dire nulla di ovvio, si vincono sul campo.

Lo sa bene il tecnico Francesco Moriero che ha ripetuto il concetto più volte: “Non possiamo vincerle tutte, ma dobbiamo sempre uscire dal campo con la maglia sudata”.

Massimo impegno e testa bassa, in un girone B, quello “meridionale”, che si prospetta tosto, composto da 17 squadre e che vede molte trasferte “interessanti” contro squadre costruite per vincere e per fare un campionato di vertice. Come ha dichiarato, infatti, Claudio Lotito, il presidente della Lazio ed anche comproprietario della Salernitana, il girone B assomiglia a una sorta di B/2. Anche perché ci sono società di blasone che hanno militato in serie A come Ascoli, Perugia, Pisa, Salernitana e naturalmente lo stesso Lecce.

Tutto questo senza dimenticare che, escluse Benevento, Paganese e Pontedera, le altre squadre hanno disputato in passato almeno la serie B. Certamente, un girone palesemente più difficile rispetto al “settentrionale”, dove l’unica formazione competitiva che sembra far paura è la Cremonese.

Dunque, si parte dallo stadio “Arechi” di Salerno con l’obiettivo di fare bene, senza passi falsi, e il tecnico leccese ha già pronto il suo modulo tattico più utilizzato finora, il 4-4-2, con la coppia d’attacco Zigoni-Miccoli, modulo anomalamente molto propositivo, ma nello stesso tempo “accorto” a non subire eccessivamente in difesa. Con l’ex Como Perucchini tra i pali; Bencivenga, Vinetot, Martinez, Nunzella i quattro nella linea difensiva, mentre in mediana dovrebbero agire Bellazzini, Papini, Bogliacino e il neo-arrivato Melara.

Il fischio d’inizio per questo primo turno in notturna (così come avverrà anche per la seconda giornata quando in programma ci sarà Lecce-L’Aquila) avverrà alle ore 20:30 da parte di colui che arbitrerà il match, ossia il signor Claudio Lanza di Nichelino.

Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.