Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE – “Non voglio scappare da niente e da nessuno: sono qui perché voglio riscattarmi personalmente e riportare il Lecce in serie B“. Sono state queste le prime parole pronunciate da un emozionato Fabrizio Miccoli nel corso della sua presentazione ufficiale quale nuovo acquisto dell’U.S. Lecce per l’attacco dei giallorossi.

Impossibile non far cenno alle spiacevoli vicende extracalcistiche che lo hanno coinvolto nelle scorse settimane. L’ex attaccante del Palermo ha voluto dare la propria versione dei fatti e chiedere ancora una volta ufficialmente scusa per le ingenue frasi pronunciate all’indirizzo del giudice Giovanni Falcone.

Miccoli bis
Ecco Fabrizio Miccoli con la sciarpa del Lecce che saluta i tifosi giallorossi

Il Lecce è stata una scelta fortemente voluta e avallata dai familiari del bomber di San Donato per il quale, davanti all’offerta della società salentina, neppure le “sirene” australiane del Melbourne Victory hanno potuto nulla. Fabrizio Miccoli ha coronato così il sogno di un’intera carriera arrivando, sia pure nella fase calante della sua attività professionale, ad indossare la casacca giallorossa, la sua seconda pelle, come voleva fin da bambino.

Davanti alle richieste di essere la sentinella nello spogliatoio, Miccoli ha garantito che sarà come se gli stessi tifosi del Lecce vi fossero all’interno. Un impegno assunto pubblicamente davanti ai tantissimi supporters leccesi che affollavano la Mediateca delle ex Officine Cantelmo. “Occorrerà essere uniti e remare tutti nella stessa direzione –  ha aggiunto l’attaccante giallorosso – per avere uno spogliatoio di uomini e seri professionisti“.

Miccoli è stato presentato dal presidente Savino Tesoro e dal Direttore tecnico Antonio Tesoro; giocherà con la maglia numero 10 e si è già aggregato al resto dei suoi nuovi compagni, agli ordini di mister Francesco Moriero, nel ritiro precampionato di Villagrande di Montecopiolo. Pur di giocare nel club salentino, il “Romario del Salento” ha accettato una notevole decurtazione dell’ingaggio percepito fino allo scorso campionato nel Palermo.

Commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.