Tempo di lettura: 1 minuto

LECCE – Il Lecce attende solo l’arrivo dell’offerta giusta (1,5 milioni di Euro) per laasciar partire Filippo Falco nella ormai imminente finestra invernale del calciomercato che si aprirà lunedì 4 gennaio. Da quella data (e fino al 1° febbraio) le squadre potranno infatti depositare i nuovi contratti e ufficializzare gli accordi sottoscritti.

Che la storia tra il numero 10 giallorosso e la società di Via Costadura fosse ai titoli di coda è stato palese dopo i “mal di pancia” del calciatore che ad ottobre ebbe un incontro insieme al suo nuovo procuratore Mario Giuffredi, titolare della Marat Football Managment Srl, con il presidente Saverio Sticchi Damiani ed il DG Pantaleo Corvino. Ne scaturì un gentlemen’s agreement in cui venne fissata la cifra che secondo il club salentino è ritenuta congrua per lasciar partire il 28enne fantasista che ha un contratto in scadenza il 30 giugno 2022.

L’aver fissato allora la clausola rescissoria ad una cifra molto inferiore al reale valore di Falco è stata una scelta di buon senso che la dirigenza leccese ha assunto per tenerlo in rosa fino ad oggi ed eventualmente consentire al calciatore di inseguire le sue legittime ambizioni di giocare in Serie A non appena arriverà una richiesta ufficiale (non aridosso della chiusura della campagna acquisti e cessioni di riparazione) che non potrà prescindere dal pagamento del milione e mezzo di Euro concordato in quell’incontro di ottobre senza trattative.

Commenti