Tempo di lettura: 1 minuto

TORINO – È un Fabio Liverani più sorridente e sereno quello che si presenta ai microfoni di Sky a fine gara per commentare il successo del suo Lecce sul Torino. Il tecnico giallorosso ha speigato l’exploit con queste motivazioni: “Le prime due partite le abbiamo fatte a tratti. Con l’inter benino poi abbiamo perso perché alla lunga era una sfida impari. Con il Verona non eravamo brillanti sul piano della preparazione ed abbiamo pagato tanto l’emozione della prima in casa e non eravamo lucidi. Quindici giorni di allenamenti nin più sono serviti a tutti, in settimana la squadra mi era sembrata già più viva, ma dobbiamo migliorare velocemente. Stasera il rigore poteva tagliarci le gambe invece abbiamo reagito bene. Il VAR? Nell’episozdio finale c’è un pizzico di furbizia dell’attaccante e poca attenzione del difensore. Il primo rigore su Zaza mi è parso anche generoso. Avrei dato più il secondo… Io accetterò sempre le decisioni del VAR ma ho detto ai miei giocatori che dovremo abituarci in fretta. Gli innesti? Shakhov ha più palleggio di Mancosu come mezzala, mentre Mancosu ha più capacità di calciare e di inserirsi. Ha più visione di gioco e si sposava bene con le caratteristiche di Falco e Babacar. Falco? Da lui pretendo tantissimo e lo sa. Per me è un leader tecnico con un grosso tasso tecnico, pronto al sacrificio. Ha finito la scorsa stagione in crescendo ma non deve staccae nemmeno un minuto altrimenti torna ad essere un calciatore normale. Farias? Ha giocate di qualità e ci fa respirare. Vorrei rivedere al più presto il Farias di Inter-Empoli. I calciatori bravi possono sempre giocare insieme. Ho elementi complementari con grandi capacità tecniche. Babacar oggi poteva chiudere la partita molto prima se non fosse ancora al 50 per cento”.

Commenti