Tempo di lettura: 2 minuti

LECCE – Il lungo corteggiamento ha dato i suoi frutti. Diego Farias è un nuovo attaccante del Lecce ed oggi pomeriggio è stato presentato ufficialmente alla stampa all’Acaya Golf Resort dopo la firma sul contratto apposta martedì scorso. Il 29enne calciatore italo-brasiliano arriva dal Cagliari che non ha voluto tenerlo più in rosa al rientro dall’esperienza nel passato campionato tra le fila dell’Empoli.

A presentare Farias, che ha scelto la maglia numero 17, è stato il Direttore Sportivo Mauro Meluso che ha così parlato dell’ultimo arrivato in ordine di tempo, ingaggiato con la formula del prestito oneroso con obbligo di riscatto in caso di salvezza: “Abbiamo positivamente chiuso la trattativa, che è stata la prima imbastita dopo il ritorno in Serie A, grazie alla collaborazione tra i due presidenti di Lecce e Cagliari. A favorirla c’è stata soprattutto la volontà del giocatore di vestire la maglia giallorossa“.

Da parte sua, il neo-giallorosso non ha nascosto la soddisfazione di essere arrivato in una squadra che potrà contare sul calore del proprio pubblico: “Scegliere di venire a Lecce è stato facile perché la dirigenza mi ha fortemente voluto. Ho subito avvertito fiducia nei miei confronti e, quando ci sono queste condizioni, do il meglio di me. Mi considero un attaccante completo, ma l’importate è giocare, anche da terzino. Sono a disposizione del mister. Fisicamente mi manca poco per essere al meglio della forma. Spero di arrivare al top con l’Inter per la prima partita di campionato. Lapadula? L’anno scorso mi sono trovato bene con Caputo. Ora sono sicuro di poter fare bene anche con lui. Conosco già tanti compagni come Tachtsidis, Gabriel, Rossettini, Dell’Orco. Mi hanno parlato sempre benissimo di Lecce. So che qui c’è tanto entusiasmo, come dimostra il numero degli abbonati. Contare ogni gara in casa su ventimila tifosi sarà fondamentale. Quest’anno vorrei arrivare in doppia cifra, ma non voglio fare promesse. Dico solo che per salvarsi bisogna dare il 110 percento“.

Commenti